Incubatore 2013 – Edizioni Museodei

Morena Poltronieri e Ernesto Fazioli

Quest’anno l’Incubatore ha portato il mistero al Salone del Libro di Torino: quella del Museodei è infatti una realtà esoterica, incantata, ereditata da un’antica accademia di Bologna sorta nel Cinquecento che si fondava sulla cultura del ‘doppio linguaggio’, la compresenza di realtà e simbolismo. Il suo scopo odierno è quello di attingere da questa antica cultura per dare spazio a ricerche nell’ambito artistico, letterario ed ermetico.

“Non esiste il tempo perché tutto è contemporaneo” si legge nella presentazione sul vostro sito. Il progetto Museodei raccoglie l’eredita editoriale di una realtà bolognese con una ricca storia culturale. Come è nato e quali obiettivi vi siete posti?

Museodei è la sintesi di due diverse esperienze che si sono raccolte per dare voce alla Tradizione e alla Parola Perduta attraverso la mediazione del simbolo. Per questo ha colto l’eredità dell’editrice Hermatena (attiva dal 2001), ispirata ad una celebre accademia culturale, che sorse a Bologna, nella metà del Cinquecento e che fu in odore di eresia.

Se nel passato il suo scopo era quello di comunicare il cosiddetto ‘doppio linguaggio’, ovvero scrivere su temi apparentemente consueti, sottintendendo messaggi molto più complessi e densi di simbolismi, oggi questo ambito è aperto al grande pubblico che ancora sente il bisogno di vedere oltre l’apparenza. Non è un caso che il nome Hermatena rappresenti la fusione di Hermes, Dio dell’intelligenza e della parola, con il suo corrispettivo femminile, Atena, il volto della Dea. Con questa ottica, lo scopo è quello di visionare gli aspetti esoterici delle opere artistiche ed architettoniche delle città e creare delle guide turistiche uniche… con l’occhio del Mago.

Nonostante siate una realtà giovane avete un catalogo già ben strutturato con diverse pubblicazioni, molte delle quali puntano su materie umanistiche e arte. Come sono definite le collane e a quale tipo di pubblico vi rivolgete? 

Pur avendo un certo numero di Collane editoriali, il tema centrale è sempre il viaggio in tutte le sue accezioni. Nella Collana I LUOGHI MAGICI  il viaggio è geografico, ovvero biografia del misticismo. Con questi libri è possibile vedere i luoghi del mondo, anche quelli che pensiamo di conoscere meglio, in una dimensione ove spazio e tempo si fondono.

Lo stesso obiettivo viene colto nelle MAGICHE GUIDE DA VIAGGIO  con la differenza che il piccolo formato consente che siano tascabili e di facile consultazione. Particolare enfasi sul femminile viene posto nella Collana IN VIAGGIO CON LA DEA, ove vengono toccati tutti i luoghi legati all’energia creativa femminile. Ancora viaggi con Artgothique, ma attraverso le tradizioni e il folklore magico del passato. Il viaggio diventa filosofale nella Collana VIADELMATTONUMERO0 completamente dedicata al magico mondo dei Tarocchi, considerando Museodei è anche preziosa custode del Museo Internazionale dei Tarocchi, unico in Italia e all’estero. La Collana ORO si propone di dare nuova luce ad importanti opere che non sono più reperibili sul mercato. Infine con InterCulture il viaggio è di tipo filosofico, spirituale, ma anche sociologico e si esprime attraverso il dialogo dialogico con le altre culture, premessa indispensabile per costruire la pace.

Quali sono le difficoltà e quali i punti di forza di una giovane piccola casa editrice?

La maggiore difficoltà è inerente alla distribuzione che normalmente tiene presente i grandi marchi e non sempre segue le piccole realtà.

Uno dei  maggiori punti di forza è la libertà di espressione che non è vincolata da schemi precostituiti, né da forme di potere imperante. Ciò contente una possibilità unica e imperdibile, dando così voce non solo ad autori che rischierebbero di rimanere in ombra, ma anche a realtà non sempre conosciute.

A cosa state lavorando in questo momento e cosa vi piacerebbe pubblicare prossimamente?

Abbiamo appena portato alla stampa alcuni titoli dedicati alle città ‘magiche’. Uno di questi è rivolto a Torino, la città che ci ospita, e dove avremo il piacere di presentare l’anteprima. Inoltre, abbiamo terminato altri titoli relativi alla Collana IN VIAGGIO CON LA DEA, entrando anche, con questo sguardo, nel mondo dell’arte con un’originale biografia su Amedeo Modigliani. Infine abbiamo completato un progetto internazionale dedicato ai Tarocchi Sola Busca, l’unico mazzo di carte rinascimentali completo, recentemente acquisito dalla Pinacoteca di Brera (Mi). Insieme all’Editore IL MENEGHELLO abbiamo curato il libro con spiegazioni storiche innovative ed alchemiche. Stiamo lavorando su testi esoterici antichi e non ancora tradotti e ci piacerebbe che ciò divenisse un’ennesima Collana. Inoltre stiamo pensando di realizzare un’opera omnia dedicata alla storia, iconografia, filosofia e magia dei Tarocchi. Infine ci piacerebbe dare voce a tanti autori che vivono in realtà problematiche.

Cosa vi aspettate dalla partecipazione all’Incubatore?

Dal momento che la nostra è una ricerca profonda, ma di nicchia, abbiamo partecipato all’Incubatore, per mettere in evidenza il nostro lavoro, cercare collaborazioni da parte di autori e altre realtà simili alla nostra.

0

Ti potrebbero interessare...

Login