Primo amore – Gwendoline Riley

Titolo: Primo amore
Autore: Gwendoline Riley
Casa Editrice: Bompiani
Genere: Narrativa
Traduttore: Tommaso Pincio
Pagine: 154
Prezzo: € 15,00

Primo amore di Gwendoline Riley è un romanzo introspettivo con una scrittura splendida.
La formazione sentimentale di Neve, la protagonista, è raccontata con le giuste tonalità dalla scrittrice inglese che ci regala pagine di bella letteratura.
Entrare nei labirinti intimi e affettivi di Neve sarà per il lettore un’avventura piacevole. Riley ha una prosa accattivante che conquista.

Neve, aspirante scrittrice, sposata con Edwyn, è una ragazza inquieta e il legame con suo marito è tormentato.

La protagonista scava dentro di sé per cercare di fare luce, di capire cosa accade nel mondo agitato delle sue relazioni.

Vive imprigionata nella sua coscienza e ogni giorno ha a che fare con le difficoltà dell’esistenza.

Da un lato il rapporto non sano con Edwyn, dall’altro quello difficile con suo padre, che ormai appartiene al passato.

Neve è proprio al passato che si rivolge per cercare di venire a capo del suo presente tormentato.

Nel suo racconto, quasi come un flusso di coscienza, finiscono il padre aggressivo e la madre stravagante. Lei si confessa alla pagina per attraversare i nodi spinosi della sua vita e cercare di capire se una via d’uscita è possibile.

Primo amore è un romanzo breve e tagliente, Gwendoline Riley ha una scrittura straordinaria che mette tutto in discussione sulla pagina. La libertà e l’intimità di Neve, il suo rapporto con i desideri e le persone che fanno parte della sua esistenza, ma soprattutto la difficoltà di relazionarsi con se stessa.

La scrittrice inglese nel suo racconto usa le parole al massimo della loro potenza. La sua prosa è vibrante, non risparmia fendenti.

La sua scrittura è sempre incalzante, l’autrice pressa il lettore sui misteri del cuore e delle relazioni tra gli esseri umani, esibendo nel racconto una mai banale introspezione di altissimo livello, dove la prima persona diventa la chiave d’accesso ai segreti più oscuri del rapporto tra i legami e l’essere, che per fortuna non trovano mai una risposta.

1

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?