38 comuni italiani insieme per crescere i lettori di domani

L’unione da sempre fa la forza, per questo trentotto Comuni provenienti dalle province di Biella, Ravenna, Lecce, Siracusa, Nuoro e della regione Umbria, si sono uniti per l’ambizioso obiettivo del “Patto locale per la lettura”. Realizzato nell’ambito del progetto pilota “In Vitro”, coinvolge i locali dirigenti scolastici, le Asl, gli asili, le associazioni di volontariato e i genitori dei bambini.

L’iniziativa, promossa dal Ministero dei Beni Culturali – Centro per il libro e la lettura in collaborazione con la società Arcus, mira ad aumentare il numero di lettori abituali partendo dai più piccoli, per trasformarli nei lettori di domani.

Commenta così il progetto il presidente del Centro per il libro e la lettura, Gian Arturo Ferrari “Questo patto è un’avventura intellettuale, un protocollo sperimentale di azione che stiamo creando insieme agli attori del territorio”.

Cercare di sensibilizzare i più piccoli fin dall’inizio allo sfogliare un libro, a maneggiarlo e incuriosendosi così alle storie che ci sono dentro è il vero obiettivo di ogni persona coinvolta in questa grande manifestazione.

0

Ti potrebbero interessare...

  • Bruno Parrotta

    Ho scritto il mio primo libro autobiografico è gradirei che possa esser inserito in progetti culturali attraverso le scuole, le associazioni di integrazioni sociali e giovanili e culturali con lo scopo di fare conoscere non solo il mio racconto ma anche divulgare quei principi di amicizia e amore e speranza che come nel mio libro tratto. Una storia d’amore tra un giovane del sud Italia e una donna dell’est Europa, ostacola nel nascere da chi con invidia ed egoismo seppe far male. Ho un sogno ricorrente, che potrò trovare occasione di trovare un bravo regista ed far ispirare dal mio libro un bel film d’amore, e fare conoscere i sentimenti come senso di dolcezza e verità, ma anche i problemi di integrazione sociale e la stessa indifferenza chenel cuore di chi la vede tanto bruci più dell’ortica.
    Cordialità, Bruno.

Login

Lost your password?