Sequenze per sbagliare il bersaglio – Giulio Maffii

Titolo: Sequenze per sbaglare il bersaglio
Autore: Giulio Maffii
Data di pubbl.: 2021
Casa Editrice: Pietre Vive edizioni
Genere: Poesia
Pagine: 54
Prezzo: €12,00

Giulio Maffii in Sequenze per sbagliare il bersaglio si prende gioco della poesia visiva e la riempie di contenuti.

Prendendo come modello  i sistemi informatici di presentazione aziendale, il poeta  senza rinunciare all’asistematicità del frammento costruisce un percorso originale di sequenze poetiche per raccontare tutti i bersagli che manchiamo nella nostra miserabile esistenza.

Tra lo sperimentalismo e il lirismo Giulio Maffii trova una terza via.

«La parola  è / frattura esposta / un abbraccio / ci devasta»;  « le poesie sono / alberghi a ore».

Ci si perde nelle sequenze che Giulio Maffi propone nel suo libro la cui lettura è davvero originale.

L’intuizione che il poeta ha avuto è davvero singolare. Riempire di alti contenuti poetici sterili modelli informatici. Questo è possibile se si è poeti veri.

L’impatto visivo è potente, perché potente, tagliente e ironica è la parola diretta che il poeta sbatte sulla pagina: la deflagrazione è assicurata.

Inquadrature che fulminano («un tempo la gente / la gente la gente / sempre la gente / mai un nome preciso») , piani sequenza che si conficcano come chiodi nella carne ( «- ma perché a qualcuno importa dici ?-»), alla fine il poeta riversa con irriverenza  sul tavolo del vivere  il rovescio bianco del bersaglio (« Gli indirizzi perduti dei lupanari / il limite basso dell’assenza».

Al poeta, e anche a noi, interessa il lato cieco del bersaglio.

«Nella nostra/ grandezza /sfocata ci / ingrandiremo l’uno / con l’altro». Maffii è spietato come sempre con la sua poesia che non cerca parole accomodanti e questa volta al bersaglio sbagliato dedica anche una forma visiva ma è sempre la parola che vince sull’immagine, e qui il poeta ha tenuto testa all’invadenza della tecnica che rende arido tutto.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi