Giveaway – I 500

   GIVEAWAY 

“I 500″


COME SI VINCE?
Basta rispondere alla richiesta sotto riportata entro domenica 4 novembre alle ore 21 commentando questo post.
La redazione sceglierà un vincitore tra i partecipanti, individuando chi ha formulato il post più originale e attinente alla richiesta (il giudizio è insindacabile). Dopo che avremo verificato l’iscrizione alla nostra newsletter, a questi sarà attribuita una copia del romanzo “I 500″ di Matthew Quirk – Sperling & Kupfer.

* Il libro in palio è messo a disposizione dall’editore in forma di omaggio secondo la normativa prevista dal dpr 633 del 1972 che regolamenta i concorsi.

RISPONDI ALLA DOMANDA:

A quale parte della vostra vita non dareste mai un prezzo?

 

LA TRAMA DEL LIBRO
Un anno fa, fresco di laurea in legge a Harvard, Mike Ford ha ottenuto il posto di lavoro che ha sempre sognato: è stato assunto al Davies Group, lo studio di consulenza più influente di Washington. Oggi si ritrova al centro di un gioco mortale, inseguito da due degli uomini più pericolosi sulla faccia della Terra e con una sola certezza: la sua unica via di fuga è ricominciare a fare tutto quello che si era lasciato alle spalle. Mentire, tradire, rubare e questa volta, forse, persino uccidere.
Mike è un tipo sveglio, è cresciuto in un ambiente di piccoli delinquenti e truffatori, quello del padre, dal quale ha imparato la dura lezione della sopravvivenza, ma si è anche impegnato al massimo per essere ammesso a Harvard, laurearsi e guadagnare così il biglietto d’ingresso a un’esistenza migliore.
L’assunzione al Davies Group gli ha spianato la strada di una brillante carriera e gli ha permesso di vivere gomito a gomito con i 500, l’élite di donne e uomini che governano dietro le quinte Washington – e il mondo intero. Ben presto, però, ha capito che gestire il potere è un mestiere tutt’altro che limpido: nonostante il prezioso pezzo di carta conquistato all’università, il suo ruolo resta quello del truffatore. E impara che più in alto si sale, più pericolosa può essere la caduta.
In una miscela esplosiva di intrighi politici e azione dal ritmo implacabile, I 500 è un esordio travolgente, un romanzo di gran classe, nella tradizione del Socio di Grisham ePresunto innocente di Turow, un thriller incalzante che penetra nel cuore delle sale del potere, ai livelli più alti. E pone una domanda alla quale tutti vorremmo una risposta: chi decide per noi?

L’AUTORE
Matthew Quirk ha studiato storia e letteratura a Harvard. Dopo la laurea ha lavorato per cinque anni come giornalista per la rivista The Atlantic, dove ha pubblicato reportage su criminalità, milizia privata, traffico di oppio, terrorismo e mafie internazionali. Vive nei dintorni di Washington. Bestseller negli Stati Uniti, I 500 diventerà un film prodotto dalla 20th Century Fox.
www.matthewquirk.com
LA STAMPA


“I 500 inchioda alla pagina. È intelligente, intrigante, pieno di azione e passione, e ricco di rivelazioni sul dietro le quinte della politica. Sarà il thriller dell’anno”. – Booklist

BOOKTRAILER:

http://www.sperling.it/player?postid=1969&ean=978882005285

INFO E ANTEPRIMA:

http://www.sperling.it/scheda/978882005285

 IL VINCITORE E’…

Stefania C.

(3 novembre,17:40)

Il vincitore è pregato di contattare la redazione all’indirizzo concorso@gliamantideilibri.it entro e non oltre giovedì 8 novembre.

0

Ti potrebbero interessare...

  • La signora delle camelie

    La parte della mia vita cui non potrei mai dare un valore è quella che ho dedicato alla formazione, cui devo gran parte della persona che sono oggi. Una parte di vita fatta sì di studio e fatica, ma soprattutto di umanità: dalla passione che i docenti mettevano e mettono nelle loro lezioni, per trasmetterla agli studenti, alla solidarietà tra compagni di classe… Anche il fatto di avere un ruolo determinato, all’interno del sistema scolastico, non è da sottovalutare: in società non è così – purtroppo o per fortuna – ognuno deve guadagnarsi il proprio posto (anche se non tutti lo guadagnano onestamente). A scuola vige il processo merito – premio (che sia il voto, la stima dei professori o la soddisfazione che si legge negli occhi dei genitori), mentre in società è tutto più libero, quasi lasciato al caso.
    A questo gioco di forze non potrei mai rinunciare.

  • Augusto

    A quella che mi permette di chiudere gli occhi e liberare l’inconscio

  • Chiara

    L’infanzia, senza dubbio alcuno. Poter essere un bambino e agire da bambino è un privilegio. La possibilità di giocare senza pensieri, l’essere senza paura, il poter affacciarsi a una vita che sembra essere bella e sorridente… tutto ciò ha un valore inestimabile. Basti pensare ai bambini picchiati, abusati, a quelli che non hanno avuto i giocattoli, a quelli che non hanno neanche da mangiare, tutti quei bambini che non hanno mai conosciuto la spensieratezza a cui avrebbero avuto diritto.
    Se ogni fase della vita ha di per sé un valore altissimo, l’infanzia ce la portiamo dentro sempre e i suoi macigni e le sue paure non ci abbandonano mai.
    Ho avuto un’infanzia che mi ha proiettato nella vita senza ombre ed è per questo che la considero senza prezzo.

  • Alessandra

    A quella che è la massima elevazione dell’amore, il mio prolungamento, come un albero il mio frutto, la nascita di mio figlio.

  • Rosa

    Più che ad una parte della mia vita, parlerei di momenti…non darei mai un prezzo a tutti quegli attimi trascorsi a sognare, ad immaginare luoghi incredibili e storie fantastiche. Non darei mai un prezzo a tutte le volte che il mio pensiero mi ha fatto viaggiare lontano o mi ha fatto “vedere” la vita con mille sfumature diverse.

  • Saryna

    Non darei mai un prezzo alla parte della mia vita passata con la mia famiglia..

  • Mr. Ink

    Paradossalmente, all’adolescenza che sto ancora vivendo. Fatta di momenti belli e di momenti brutti. Di sbagli al sapore di un qualche esotico cocktail e di notti che si allungano. Di famiglie in conflitto e amicizie che crediamo per sempre..

  • reading mind

    Diciamo che la vita, in tutte le sue parti, non ha mai un prezzo. Come puoi assegnarne uno al miracolo più grande di tutti? Ma visto che devo trovare un momento tra i tanti, direi che il più prezioso è sicuramente quello che ho passato con i libri.
    Quando da piccola mi nascondevo in soffitta, tra i mobili in disuso e polverosi, stringendo la mia copia di ‘La tela di Carlotta’ e sognavo avventure fantastiche, quando vagavo per il giardino sfogliando ‘Il giardino segreto’ alla ricerca di misteriosi angoli da esplorare… quando i ragazzini facevano i bulli con me a scuola e io tornavo a casa e mi infilavo sotto le coperte con ‘La storia infinita’, sperando che quei mondi immaginari dove mi rifugiavo potessero diventare veri.
    Forse quelli sono i momenti più importanti, quelli a cui sarebbe impossibile dare un prezzo, perché mi hanno reso la persona che sono adesso. Mi hanno portato ad amare la lettura, i libri, gli autori e hanno segnato indelebilmente la mia vita, cambiandone il corso, portandomi a scegliere una professione dove sono proprio i libri a farla da padrone.

  • Angy

    Abbiamo dato un prezzo a tutto, all’acqua ,alla terra,alla salute, alla bellezza…Su di un libro che ho letto e apprezzato c’era questa citazione : Quando la bellezza è un obbligo , il cuore diventa un’arma…E allora penso che la parte della mia vita a cui non darei mai un prezzo è quella parte che ho condiviso con le persone a me care , ai miei amici, che mi hanno permesso di essere la persona che sono ora, che mi hanno permesso di dare un valore al mio “Cuore” e di mostrarmi per ciò che ho dentro e non per la “bellezza” che la società di ora ritiene essere alla base di tutto…

  • ALFONSINA

    Non darei mai prezzo al tempo che passo a leggere, praticamente in ogni momento della giornata, tutte le sensazioni le emozioni e le avventure che ognuno di noi sogna di vivere

  • anna

    non darei un prezzo alla mia vita in generale perchè, tutto ciò che ho vissuto, momenti belli, brutti, errori commessi, obbiettivi raggiunti e non… hanno contribuito e contribuiranno alla formazione e crescita della mia persona.

  • maria

    a tutte le volte che ho sbagliato e son caduta ma ho saputo rialzarmi.
    a tutte le volte che ho dovuto dire grazie solo a me stessa e non agli altri o ad altrui raccomandazioni
    a tutte le volte in cui i miei cari hanno avuto bisogno di un supporto e io c’ero
    a tutte le volte che qualcuno mi ha teso la mano ed io ero pronta a darla
    a tutte le volte che io ho teso la mano e qualalcuno era pronta a darmela
    a tutte le volte che una carezza è valsa più di mille parole
    a tutte le volte che ho pianto e mi son riasciugata le lacrime ed ero più forte di prima
    in ogni fase di mia debolezza, di mio sbaglio, di mia gioia, di mia felicità, ad ogni esame che ho dovuto affrontare e non solo all’università, ad ogni ostacolo, per ogni mia lacrima e sorriso,

    per tutte le volte che son cresciuta… ecco a tutte queste volte, non posso dare un prezzo.

  • luisa

    Non darei mai un prezzo alla lungo periodo di assistenza ai miei genitori: tanto dolore, tanta sofferenza, tanta malattia, tanta fatica…, ma rifarei tutto come prima perchè ora che non ci sono più il vuoto lasciato è incolmabile.

  • Alessandra V.

    Non darei mai un prezzo alla sensazione che si prova al mattino, al risveglio. Hai gli occhi pieni di sonno, ma anche la consapevolezza che sei vivo, ed hai tutta la giornata (e la vita) davanti.

  • Silvia

    non darei mai un prezzo ai momenti passati assieme ai miei nipotini, al piccolo che mi stringe un dito e al meno piccolo che mi abbraccia all’improvviso pronunciando per la prima volta il mio nome di zia

  • Stefania C.

    Non darei mai un prezzo alla vecchiaia. Anche se sono giovane capisco che è una parte della nostra vita che non tutti hanno il privilegio di vivere e spesso ci si dimentica della sua bellezza.
    Vedere i propri nipoti crescere, i propri figli realizzati è dolce e senza prezzo. Da queste cose si capisce che nel nostro piccolo, come tante formichine nel mondo, abbiamo fatto e lasciato qualcosa di concreto del nostro passaggio sulla terra: altra vita, altri sogni, altri desideri… e vorrei poterlo vedere con i miei occhi!

    • maria

      brava!

      • Stefania C.

        Grazie, mi ha fatto un immenso piacere vincere per una volta!!

  • Gianluca D. T.

    La vita stessa non ha prezzo per la sua complessità ma se dovessi scegliere un periodo preciso sceglierei la nascita di mio figlio, il momento in cui l’ho preso in braccio per la prima volta, un cucciolo indifeso che mi ha reso padre.
    In quel momento ho capito l’essenza stessa della vita e mi sono sentito orgoglioso, assieme a mia moglie, di aver creato questo essere stupendo che riempie le nostre giornate e ci rende felici!
    Diventare padri … non ha prezzo!

  • ssimona

    la parte della mia vita a cui non potrei mai dare un valore è la parte privata la mia famiglia i miei affetti e sopratutto i miei sogni e le mie speranze

  • Antonella Montesanti

    Non darei mai un prezzo alla parte di vita che ho passato con mio padre, scomparso da quasi sei anni.Oltre alla persona che son diventata mi ha trasmesso l’amore infinito per la lettura e per le bellezze che abbiamo intorno e dentro di noi.

  • marina

    Non darei mai un prezzo alla mia infanzia..ed all’infanzia di tutti in generale…non esiste nessuna altra fase della nostra vita in cui siamo cosi puri,innocenti, spensierati, generosi, felici davvero con poco..in cui crediamo nei sogni e in cui amiamo incondizionatamente

  • Mari

    Non mi azzarderei mai a dare un prezzo a me stessa, ovvero alla mia persona, poichè vorrei poter gustare la presenza di persone squisitamente sincere che nutrono il semplice piacere di starmi accanto senza doppi fini, senza essere influenzati da mio “valore”!!!!
    Il prezzo di ognuno…semplicemente non ha prezzo!!!

  • Loredana

    Nella mia vita non ho mai preteso molto, solo un po’ di serenità….Ho sempre cercato di apprezzare e godere delle piccole cose, dei piccoli gesti. Ed è proprio a queste cose che non si può dare un prezzo. In questo particolare momento della mia vita mi sto aggrappando con tutta me stessa alle piccole cose che possono donarmi un minimo di serenità. Serenità sì e non felicità perché quella non potrò mai raggiungerla. Ma l’affetto della famiglia, i miei adorati gatti che tanto sono importanti per me,i pochi amici senza i quali mi sentirei persa, che anche se vedo poco so che ci sono, e la natura che mi circonda con tutta la sua bellezza……tutte queste semplici cose possono in qualche modo dare un senso alla mia vita e proprio per questo non hanno prezzo

  • Mari

    Non mi azzarderei mai a dare un prezzo a me stessa in quanto persona… poichè vorrei poter godere della compagnia di persone squisitamente sincere che mi attorniano senza alcun fine, senza un proprio tornaconto personale, al di là del mio “valore”!
    Il prezzo di una persona…. semplicemente non ha prezzo!

  • http://labellaeilcavaliere.blogspot.it/ Amaranth

    è una domanda difficile, soprattutto per la mia età. Io non ho figli, ma una famiglia e degli amici: sicuramente loro sono una parte importante della mia vita, ma siccome non sarei qui, non avrei quello che ho e neanche loro, la parte a cui non darei prezzo sono proprio io. Sembra egoistico, vero? Però è vero, non darei un prezzo a me stessa, ai miei successi e ai miei insuccessi e quando ho l’occasione di riflettere su argomenti così importanti, sono contenta di vedere il mondo con i miei occhi. E siccome sarò io ad agire in presente e futuro, verso me stessa, i miei figli e il mondo, punto a migliorare me stessa proprio perché sia impossibile quantificare il mio valore.

  • sara

    non darei mai un prezzo al mio matrimonio… non cambierei mio marito per niente al mondo… lo terrei per sempre con me con i suoi pregi ed i suoi difetti… amore vuol dire amare tutto dell’altro a qualsiasi prezzo :)

  • cristina

    Non darei mai un prezzo, a quella parte di me che raramente si “fa vedere”. Quella persona coraggiosa e dotata di problem solving che si manifesta nelle avversità. Quella donna che stupisce anche la se stessa pavida, e che , nonostante tutto, va avanti e continua a vivere.

  • Elena

    Non potrei mai dare un prezzo ad ogni momento vissuto con consapevole incoscienza.

  • Alessandra

    non mentiamo,ci sono parti della nostra vita che un prezzo lo hanno. Lo studio si porta via decine di ore. Il lavoro, notti in bianco e tremendi maldistomaci.

    L’amore si paga in kleenex.

    Ma la soddisfazione di aver fatto le cose come si deve, come volevi, per poi guardare il risultato, bello come il sole ,che sia una torta, un’analisi ben fatta o l’uomo della tua vita che ti dorme accanto non avra’ mai un prezzo.

  • monica

    Credo fermamente che ogni momento ,attimo,minuto,secondo,frazione di secondo della nostra vita non abbia prezzo ovvero il prezzo è inestimabile perchè tutto ciò che viviamo è una conoscenza continua e un arricchimento per la nostra anima…è questa che fa la differenza tra gli esseri viventi…la consapevolezza della vita…come sarebbe bello questo mondo se tutti gli uomini prendessero coscienza di se e di ciò che ci circonda e non lo distruggesse.

  • aese

    la parte della mia vita a quale non posso dare un prezzo è quella che stò vivendo adesso dove ogni giorno mi avvicino sempre di più alla realizzazione di un sogno mentre un’altro lo stò vivendo proprio adesso!!

Login

Lost your password?