Ecco i cinque finalisti del Premio Strega

Sono stati diramati i nomi dei cinque finalisti che si contenderanno la vittoria del Premio Strega 2013: il vincitore, proclamato il 4 luglio, sarà uno tra Alessandro Perissinotto, Walater Siti, Romana Petri, Paolo di Paolo e Simona Spartaco.

Lo scrutinio, svoltosi mercoledì 12 giugno, è stato seguito in diretta da Casa Bellonci da più di 400 persone, gli Amici della domenica, il corpo elettorale del premio, eredi di un rito che si ripete da oltre sessant’anni. Per la prima volta, l’edizione del Premio Strega di quest’anno presentava una novità: è stato infatti possibile seguire lo spoglio dei voti in diretta streaming, sul sito del Premio.

Al termine dello scrutinio (408 su 460 votanti – di cui 160 voti online – pari all’88,69%; 2 schede bianche) il Presidente del seggio Alessandro Piperno, vincitore del Premio Strega 2012, affiancato dal presidente della Fondazione Bellonci Tullio De Mauro ha diramato ufficialmente i nomi degli scrittori e i titoli delle opere che si contenderanno la vittoria.

Le colpe dei padri” di Alessandro Perissinotto; “Resistere non serve a niente” di Walter Siti; “Figli dello stesso padre” di Romana Petri; “Mandami tanta vita” di Paolo di Paolo; “Nessuno sa di noi” di Simona Spartaco. La votazione finale e la premiazione dello scrittore avverranno giovedì 4 luglio, presso il suggestivo scenario del Ninfeo di Villa Giulia, a Roma.

0

Ti potrebbero interessare...

  • Franco

    Siamo alla frutta e alla fine della letteratura .Fuori dai finalisti Cappelli e Busi dentro lamentazioni,drammi,stucchevoli vagiti di pseudo romanzieri raccomandati dal potere degli editori.Un vero e proprio aborto terapeutico come quello di un libro insulso entrato in cinquina insieme ad altri libercoli. Certo ai ragazzi interessa molto Gobetti e le ciarlanerie di giovani nati vecchi e di vecchi che raccontano stupidaggini. Ecco perchè c ‘è un divario tra noi è gli americani.Italietta anche nei libri.La lobbye degli editori è invincibile. Ha ragione Cappelli a dirsi arrabbiato.In poche parole ha sintetizzato il baratto dei voti e la beffa fatta da RCS . Voglio vedere se pubblicate questo commento.Se siete coraggiosi dovreste aprire un dibattito intervistando anche Mieli. Sono curioso di sapere il suo parere visto il ruolo che ricopre proprio in RCS

  • http://www.gliamantideilibri.it Redazione

    E’ naturale che in ogni concorso ci siano vincitori ed esclusi. L’esito può piacere o meno. Ognuno può esprimere liberamente il proprio parere (naturalmente nel pieno rispetto degli altri e del lavoro altrui) ma si sa che, indipendentemente dai concorsi, il valore di un libro dipende anche dal giudizio che ne danno i lettori e da come questi riescono a farlo entrare nella propria vita. La testata Gli Amanti dei Libri più che aprire dibattiti vuole informare, pertanto continuerà a proporre interviste ad autori e professionisti del settore editoriale così come ha fatto sino ad ora.

  • Gerry delisa

    Sono convinto come voi che si può vincere e si può perdere ma io non ho ma i capito fino in fondo come vengono conteggiati i voti dello Strega. Se lo sapete potete spiegarmelo.grazie

Login

Lost your password?