Pescecani – Mario Giordano

Titolo: Pescecani. Quelli che si riempiono le tasche alle spalle del paese che affonda.
Autore: Giordano Mario
Data di pubbl.: 2015
Casa Editrice: Mondadori editore
Genere: saggio
Pagine: 200
Prezzo: 18,00 euro

“Quante volte mi sono sentito chiedere: ma perché le cose non cambiano? Perché i problemi non si risolvono? Perché ci sono i pescecani. Che sui nostri problemi ci guadagnano. Nei nostri guai ci sguazzano. Non hanno interesse che si risolva il problema dell’immigrazione, perché sull’immigrazione fanno soldi. Non hanno interesse che si risolva il problema dei rom, perché sui rom fanno i soldi. Non hanno interesse che si risolva il problema della burocrazia, perché sulla burocrazia fanno i soldi.”

Nella parte introduttiva del libro ci sono le premesse di quanto Mario Giordano andrà a delineare nelle duecento pagine del libro. Il giornalista descrive diversi esempi di gentaglia che si è arricchita alle spalle degli onesti.

Appena è uscito il libro ho fatto di tutto per averne una copia,curiosa dal canto mio di conoscere dettagliatamente i nomi e cognomi di questi “furbetti del quartierino” (che spesso però fanno anche affari con la politica di serie A);  gli scandali in Italia non mancano mai così come le “inefficienze” ed è in queste ultime che si “esercita il potere assoluto dei pescecani”. La norma è a maglie larghe, in queste ci sguazzano i pescecani.

Il libro è un racconto ricco di storie vere di “pescecani” che purtroppo si trovano ovunque in Italia, dalle grandi metropoli come lo scandalo di Roma Capitale in cui si specula su immigrati e rom, fino ai piccoli paesi di provincia, “l’onda lunga della disonestà e dell’immoralità ha travolto anche la provincia, il baluardo dei valori, il rifugio dei buoni principi”.

A volte purtroppo non conoscendo il nome di quelle persone disoneste che hanno devastato questo splendido Paese pensiamo di non conoscerle, ebbene tra queste non c’è solo il solito Corona o Lele Mora con un’orda di personcine a seguito, ma anche quelli che vedi in televisione di cui non conosci il passato, vedi Er Viperetta Presidente della Sampdoria.

Le persone descritte nel libro hanno tutte un denominatore comune: l’imbroglio, la truffa, l’evasione fiscale, una condotta ripugnante, un arrivismo sconsiderato unito ad alte dosi di  amoralità.

Un esempio che posso citare del libro che mi ha colpito è: “la signora dei salotti che ha nascosto 1243 case al fisco”, banalmente non si ricordava che doveva pagare le tasse dei casermoni costruiti dal padre e che andavano in affitto. La Signora X (il piacere dei normi lo  lascio ai lettori del libro che ne troveranno una serie condita) forse considera il Fisco una brutta abitudine. “pagare le tasse? E perché? Come diceva quel tale: il fisco è come la droga, una volta che entri nel tunnel non ne esci più.”  La Signora in questione è ben descritta nel libro e anche le sue conoscenze che vanno dal mondo dell’imprenditoria al mondo politico.

Il libro secondo Mario Giordano deve considerarsi per sua missione un antidoto, perché ancora la gente perbene esiste: giovani con talento, anziani meravigliosi e disponibili, persone dal grande intuito e e da profonde potenzialità.

1

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?