A Luis Sepulveda  il premio “Terra degli aironi”

10804_I_sepulveda_grande“Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” è stato un libro che ci ha regalato una meravigliosa storia d’amicizia tra Kenga e Zorba, rispettivamente una gabbianella che non riesce a raggiungere il suo stormo e un gatto che le insegnò a volare. Sepùlveda, autore di questa meravigliosa storia d’amicizia e coraggio, giovedì 20 novembre sarà a Novara in Prefettura alle 18.30 per ricevere il premio “Terra degli aironi/Dante Graziosi”. Già precedentemente l’onorificenza è stata conferita  grandi autori come Magris, Vassalli e Bevilacqua, quest’anno verrà consegnata per la sesta edizione di “Scrittori&giovani” festival internazionale di Novara e provincia.

In questa occasione, Sepùlveda presenterà il suo nuovo libro “Trilogia dell’ amicizia” di Guanda editori.
Come per le edizioni precedenti, il festival Scrittori&giovani permette ai giovani lettori di confrontarsi con i grandi della letteratura; la sua genesi quest’anno ha visto la presenza di Morten Brask, Mauro Corona e Sebastiano Vassalli oltre ad altre grandi personalità come per esempio il premio Campiello Giorgio Fontana, che incontrerà i lettori martedì 24 novembre presso la Biblioteca Negroni di Novara, Ishamae Beah autore di  ‘Memorie di un soldato bambino’ che incontrerà il suo pubblico mercoledì 26 novembre presso l’Istituto Enrico Fermi di Arona.

Il premio “Terra degli aironi” di quest’anno nasce in Cile alla fine degli anni 90  e cresce con i nonni a Vaparaìso ed è proprio grazie al nonno che si appassiona alla scrittura. Dopo il colpo di stato di Pinochet va in Ecuador, prima, poi Amburgo e Parigi. I suoi romanzi hanno avuto moltissimo successo e sono stati tradotti in tutto il mondo anche in braille.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?