Tempo di Libri – A Tu per Tu con…Cristina Chiperi

IMG_20170422_163848Cristina Chiperi è molte cose: è giovane, dolce, sempre disponibile, sorridente ed è una scrittrice. Con i suoi soli diciotto anni conta già quattro titoli pubblicati sa bene quello che vuole,  chiacchierare con lei ti permette di spiare un piccolo angolo della vita e dei sogni degli adolescenti di oggi. A Tempo di Libri è venuta con la sua ultima fatica, Starlight, il suo quarto romanzo molto più maturo rispetto agli altri, sia nella scrittura che nei temi affrontati.

Sappiamo che non solo sei giovanissima ma che il tuo percorso è iniziato con Wattpad, ma scrivere è sempre stata la risposta al “cosa voglio fare da grande” o prenderai poi un’altra strada?
No assolutamente, non è mai stato il mio sogno scrivere libri, il mio sogno era fare la cantante. Poi però quando ho iniziato a scrivere, circa a 9 anni, mi sono accorta che era una cosa che mi piaceva moltissimo per cui mi son detta: chissà, magari è quella la mia strada.

Quindi nel tuo futuro continui a vedere la scrittura?
Assolutamente sì, continuerò a scrivere perché è qualcosa che mi fa sentire estremamente bene, non so se diventerà mai il mio lavoro però non lo so perché ho molta paura di cadere nel temuto blocco dello scrittore. Continuo a scrivere su Wattpad che è la piattaforma su cui ho iniziato perché mi sembra ingiusto nei confronti dei miei lettori smettere, per me è una valvola di sfogo e poi mi diverto moltissimo a leggere i commenti dei miei lettori!

Possiamo dire che tu sei una delle più giovani scrittrici italiane in circolazione, a soli 18 anni hai già pubblicato quattro libri, che effetto fa?
È una sensazione bellissima e inaspettata, è molto difficile da spiegare, così come le facce della gente a cui dico “sì, ho 18 anni e scrivo”.Starlight - Cristina Chiperi

Starlight è il tuo ultimo romanzo, il primo dopo la trilogia My Dilemma Is You, in cosa è diverso?
In realtà il principio non cambia, è sempre una storia d’amore però il mio modo di scrivere è molto maturato, prima avevo un linguaggio molto più semplice ed essenziale, qui vado molto più a fondo anche dei sentimenti e delle descrizioni. In Starlight inoltre ho voluto strafare perché per far funzionare la storia ho dovuto inserire nozioni di fisica, filosofia, astronomia, tutte cose che mi sono dovuta studiare in autonomia, per cui la preparazione preliminare è stata molto più impegnativa rispetto a My Dilemma is You. Possiamo dire che io maturo con i miei libri e che di conseguenza la mia scrittura cresce con me.

Qual è l’ingrediente segreto che rende la tua scrittura così irresistibile per i giovani lettori?
La semplicità, non credo che servano paroloni per attirare i ragazzi, quello che cercano è una bella storia e scritta bene. Poi sono molto avvantaggiata dal fatto che io ho l’età dei miei lettori, quindi loro riescono a immedesimarsi perfettamente nei miei personaggi.

Infine, da giovane scrittrice quali sono i tuoi libri preferiti che consiglieresti al tuo pubblico?
Io sono follemente innamorata di Cime Tempestose e di Orgoglio e Pregiudizio, due classici senza tempo, di un po’ più attuale consiglio a tutti Bianca come il Latte Rossa come il Sangue di Alessandro D’Avenia, veramente meraviglioso.

 

 

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?