L’odore della carta. Una celebrazione, una storia, un’elegia – Ian Sansom

Titolo: L’odore della carta. Una celebrazione, una storia, un’elegia
Autore: Sansom Ian
Casa Editrice: TEA editore
Genere: saggio
Traduttore: Flavio Iannelli
Pagine: 286
Prezzo: 13.00 €

“Fondamentalmente, siamo integralisti e fanatici di questo materiale: anche quando non c’é, anche quando ci è stato ormai dimostrato che non é più necessario, continuiamo a immaginarcelo, a onorarlo e a desiderare che continui a esistere”.

Cosa accadrebbe se la carta dovesse scomparire? Ian Sansom ci racconta in un saggio dal titolo L’odore della carta, edito da Tea, quanto la carta sia parte integrante della nostra vita, da quando nasciamo a quando moriamo, e quanto perderemmo se la carta non ci fosse più.

In un’epoca in cui molti ne profetizzano la fine imminente e celebrano l’avvento dei supporti elettronici, Sansom scrive un saggio controcorrente: non un semplice manuale di storia della carta ma un libro che definisce “un museo”, che dedica alla salvaguardia e  allo studio della carta, e in cui raccoglie  curiosità e paradossi di un materiale destinato a rimanere.

La carta, “un miracolo d’inconcepibile complessità”, merita innanzitutto il nostro rispetto per la grande invenzione che ha rappresentato e che ancora è e per come ha segnato ogni momento della nostra vita, sostiene Sansom. Perché la carta di cui lo scrittore racconta non è solo quella dei libri e dei giornali. E’ quella dei documenti, delle carte da gioco, delle banconote, dei biglietti da visita, dei kleenex, delle bustine del té, dei poster e delle locandine pubblicitarie, delle cartine geografiche e degli scarabocchi, delle carte da parati e delle lettere di licenziamento e di benservito in genere.

Sansom ci accompagna lungo un viaggio nel mondo cartaceo con la meticolosità del critico letterario e la passione del romanziere avvalendosi del supporto di grandi scrittori e personalità che nel tempo la carta l’hanno difesa ed amata. Il racconto di aneddoti e di curiosità sui suoi sostenitori rendono il saggio meno impersonale e di facile lettura. Scopriamo che Kipling usava solo block notes appositamente prodotti per lui con carta speciale, che Lord Byron scrisse molti versi del suo Don Giovanni sul retro delle bollette di casa e che J.R.R. Tolkien prese appunti e  scrisse  pezzi del suo ”Signore degli anelli” sul retro dei compiti d’esame dei propri studenti, portati a casa da correggere.

Perché consigliare la lettura di questo libro? Perché affronta un argomento senza dubbio di grande attualità ed offre molti spunti di riflessione.

E’ scritto per chi la carta la ama e la difende ma è consigliato soprattutto a chi vorrebbe scomparisse perché rifletta e ritorni sui propri passi.

 

0
Giovanna Capone

Non dirò di me che ho sempre amato leggere, che ho imparato a leggere prima del tempo e che ho trascorso la mia infanzia leggendo libri e neppure che ho amato molto le favole. Per apprezzare la lettura occorre che arrivi il momento giusto e che si abbia la mente sgombra da altri pensieri.Quando capisci che il momento giusto è arrivato? Quando incontri qualcuno che ti spiega che, a volte, non è importante quello che c'è scritto in un libro ma il modo in cui è stato scritto, quando sullo scaffale di una libreria la copertina di un libro attira la tua attenzione e capisci che quello sarà il tuo libro, quando sei curioso di sapere se un titolo accattivante nasconde una storia altrettanto brillante. Cosa significa leggere? Riscoprire qualcosa di te, qualcosa che hai sempre saputo ma che nessuno se non un grande scrittore è riuscito ad esprimere con le parole.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?