Donne che tirano con l’arco – Vito Briamonte

Titolo: Donne che tirano con l'arco
Autore: Vito Briamonte
Data di pubbl.: 2017
Casa Editrice: Robin Edizioni
Genere: Giallo e thriller
Pagine: 351
Prezzo: 15 €

Chi vive al Sud Italia sa bene che molte volte ci vorrebbero degli eroi per sistemare le cose, ma è anche conscio del fatto che la terra che necessita di eroi è sventurata. È un po’ il senso di questo romanzo scritto da Vito Briamonte, originario di Sapri, e che conosce bene le dinamiche del Cilento, della Valle del Sele e del Golfo di Policastro, dove si affaccia anche la mia Tortora.

Zona sventurata questa lingua di terra che unisce Cilento e Calabria; terra dove il malaffare va a braccetto con la politica; dove i diritti dei cittadini, quando vengono rispettati, sono spacciati per privilegi; dove i soprusi vengono consumati sotto la luce del sole. Dirà qualcuno che tutto il mondo è paese, ma chi vive al Sud sa che deve lottare due volte.

E allora ecco la storia di Miryam, la donna con l’arco. Atleta olimpionica dalla vita perfetta e con una famiglia invidiabile, vittima però di un complotto che distrugge l’azienda del marito, Carlo. Un dolore immenso per lui, che lo porterà al suicidio. Inizia da qui la vendetta di Miryam, che se la prende con tutti gli autori di questi soprusi. Li uccide con una balestra; li ammazza dopo averli fatti confessare.

Dall’altra parte c’è il commissario Mario Porcelli, colui che dovrebbe catturare Miryam, ma che alla fine le strizza l’occhio, diventandone quasi un fan. È un veterano Porcelli, di cose sporche ne ha viste troppe durante la sua carriera; per lui, Miryam applica semplicemente il diritto alla legittima difesa.

Ma qual è il senso di questo libro?

Lo dicono bene tanto l’autore nella sua nota finale, quanto Nicola Vacca nella sua prefazione: non c’è la volontà di parlar male della propria terra, ma di raccontare ciò che si conosce. Tutto questo noir ha uno sfondo sociale. La crisi morale della nostra classe politica, la lentezza della giustizia, la comoda omertà, la burocrazia; sono tutte cose che conosciamo, che hanno reso l’Italia un’unica grande cloaca in cui la bellezza annega; ma qui al Sud si avverte un puzzo diverso: l’apatia.

Miryam non è quindi una eroina solitaria e inavvicinabile, ma un riscatto metafisico. È un libro particolare quello di Briamonte, perché racchiude la storia di un Sud che ancora non ha il coraggio di alzare la testa.

0

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?