Il Washington Post vende sede centrale per 159 mln di dollari

Il Washington Post ha annunciato la vendita della propria sede centrale, un palazzo contemporaneo nei pressi della Casa Bianca, per una cifra di 159 milioni di dollari.  Ad acquistarla sarebbe stata una agenzia immobiliare, la Carr Properties.

Fondato nel 1877 da Stilson Hutchins, è il più antico e diffuso giornale di Washington.

Nel 1933 la proprietà del giornale passò nelle mani della famiglia Meyer, che lo acquistò ad un’asta fallimentare. Eugene Meyer ne affidò in seguito la guida alla figlia Katharine ed al genero, Philip Graham. Fu proprio sotto la direzione di Katharine che il Post iniziò la sua ascesa, fino a divenire il il quinto quotidiano più diffuso negli Stati Uniti per tiratura.

Nei primi anni settanta raggiunse la fama internazionale grazie alle indagini sul caso Watergate condotte dai due giornalisti  Bob Woodward e Carl Bernstein, e fu proprio nella sede centrale che i due scrissero i loro articoli, giocando un ruolo di primo piano nelle dimissioni del presidente Richard  Nixon.

Nell’ agosto di quest’anno Jeff Bezos, fondatore di Amazon, ha acquistato dalla famiglia Graham il Washington Post, pagandolo 250 milioni di dollari.

“L’accordo deve essere concluso alla fine del mese di marzo 2014″, ha precisato il quotidiano americano sul suo sito online in una nota, nella quale si afferma inoltre che le redazioni rimarranno nel palazzo finchè non si troverà una nuova sede.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi