Sergente Romano – Marco Cardetta

Titolo: Sergente Romano
Autore: Marco Cardetta
Data di pubbl.: 2016
Casa Editrice: LiberAria Editrice
Genere: letteratura contemporanea
Pagine: 168
Prezzo: 12,00 €

Se guardiamo al lato ironico della faccenda, possiamo paragonare l’Unità d’Italia a una partita a carte in cui il più povero ha barato e si è portato a casa anche la moglie del più ricco tra i giocatori. Se utilizziamo la storia e analizziamo i fatti, sappiamo bene che quella fu una tragedia e oggi il Mezzogiorno ne paga ancora le conseguenze. Ma mettiamo i puntini sulle “i”, né il sottoscritto, né Marco Cardetta, autore di Sergente Romano, siamo difensori del “campanile”.

Il libro dello scrittore pugliese, infatti, ha il pregio di dare un tocco romantico alla vita dell’ufficiale borbonico, poi brigante, Pasquale Domenico Romano, morto nel gennaio del 1863 nel corso di una battaglia contro la Guardia Nazionale, consumatasi nelle campagne di Gioia del Colle. Ma oltre alle tinte romantiche, molto delicate e a volte impercettibili, ci sono quelle grottesche, più nette e violente.

Cardetta gioca con tutte queste tonalità e dipinge la tragedia. Ama entrare negli intimi particolari di una “storia sporca” che gli studiosi riassumono in poche righe o nella parola “brigantaggio”, e che un certo pensiero politico “meridionalista”, tutto pasta e fagioli ed epico orgoglio stile Braveheart, usa a proprio piacimento.

Facciamo invece un po’ di chiarezza e diamo al nostro giovane autore ciò che merita. Cardetta scrive un testo magistrale in cui la storia, la letteratura e la fantasia si uniscono e diventano una sola cosa. Mentre leggerete vi sentirete tra questi ribelli, ancora legati a ideali sacri e inviolabili, pronti a morire pur di non tradire il proprio giuramento fatto davanti a Dio e a Francesco II di Borbone. Ma leggendo attentamente queste pagine assaporerete anche quella sottile critica che il nostro autore ha voluto inserire, perché questa ostilità tra il “piemontese invasore” e il “meridionale conquistato” non è svanita. Ancora il Sud è terra di briganti influenzata dai traumi della sconfitta, della privazione e del sentirsi derubati.

Cardetta non nasconde questi traumi. Ce li mostra tutti. Parlano attraverso i suoi personaggi, questi eroi sciancati che credono in un ideale, che lottano contro l’ingiustizia. Ma anche loro sono ingiusti, le loro azioni non sono onorevoli ma rovinano ogni buon proposito.

E allora cosa vuole da noi Cardetta? Perché ci pone queste parole sotto gli occhi? Il suo è un romanzo che parla di esuli e sconfitti. Nella sua prosa si nasconde il senso di tutte le ribellioni che ancora oggi nascono spontaneamente. La rivolta “metafisica” di Cardetta è ancora in atto e si manifesta attraverso la lingua. Come sottolineato nella premessa, l’autore usa un italiano tutto suo, fatto di errori, logicamente leggibile e comprensibile, ma che ha lo scopo di prendere a calci la purezza dell’idioma nazionale. Proprio questa “volgarità” poco romantica, ma grottesca, fa in modo che l’intera opera appaia come una linguaccia rivolta alla storia.

Ma Cardetta si spinge ancora più in là e vi invita a leggere la postfazione, dove spiega il perché di questa scelta. Non lo fa per giustificarsi, ma per farvi vedere di che pasta è fatta la sua fede. Insomma, Sergente Romano non è solo un libro, ma un atto di ribellione. Un esperimento letterario che avrà ottimi risultati.

0

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?