Salone del Libro 2016 – Mara Maionchi e Alberto Salerno: Il primo anno va male gli altri peggio

20160514_210658Al Caffè Letterario del Salone del Libro di Torino 2016 Mara Maionchi e il marito Alberto Salerno presentano il loro ultimo libro “Il primo anno va male, tutti gli altri sempre peggio”. Un romanzo autobiografico che ripercorre il loro matrimonio costellato di innumerevoli e divertenti aneddoti, di successi e di insuccessi musicali. Vivere a stretto contatto con un personaggio così vulcanico ed esplosivo come Mara Maionchi non deve essere semplice e Alberto Salerno lo sa bene. Durante alcune liti “la Mara della radiofonia nazionale” è arrivata a scagliare oggetti di vario genere contro il “malcapitato” marito o a inseguirlo e a strappargli la camicia! Queste liti, che loro stessi ricordano in maniera divertente, non hanno rovinato il loro rapporto che, anzi, è cresciuto e si è consolidato nel tempo. Dopotutto, la lite in una coppia “dovrebbe essere una valvola di sfogo per stemperare delle tensioni e, una volta terminata, dovrebbe tornare il sereno”. Nel libro si riportano anche i tradimenti che Salerno ha compiuto ai danni di Mara e delle “conseguenze” che ha dovuto superare per riconquistare la sua fiducia. Un matrimonio effervescente  e moderno che dura ormai da 40 anni iniziato, ovviamente, in modo rocambolesco: dopo aver recitato il fatidico “si” davanti ad uno strettissimo numero di invitati (“la madre di lei non andò perché i matrimoni le facevano tristezza…”) andarono a far la spesa! Oltre alla vita privata, nel libro si ricordano anche i più grandi successi lavorativi dei due: Alberto è, infatti, l’autore di testi di canzoni che sono diventati delle pietre miliari del palcoscenico musicale italiano come “Donne” (Zucchero), “Una terra promessa” (Eros Ramazzotti), “Io vagabondo” (Nomadi). Mara, assieme al marito, è, invece, colei che ha scoperto vari talenti come Gianna Nannini, Mango, Eros Ramazzotti e Tiziano Ferro. Personaggi con vocalità molto particolari che ben descrivono i gusti della coppia perché a Mara e ad Alberto, in fin dei conti, piace cambiare, piace affrontare sfide sempre nuove sperando che “il culo li assista sempre dato che questo è un elemento imprescindibile per ottenere grandi successi”. Nonostante tutti questi traguardi, “la rosa più grande che non hanno colto” è Biagio Antonacci che venne scartato durante un loro provino.

Un’autobiografia scritta con estrema sincerità che mostra come due persone molto diverse tra loro possano condividere affetti e lavoro basando il loro rapporto sulla pazienza, sul perdono e sull’ironia.

Cosa volete che vi dica…ho sposato Mara anche per il suo fascino ma soprattutto per avere una sicurezza economica!” (Alberto Salerno)

1

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?