Profumo, con libri digitali famiglie spenderanno un decimo

Asca, 29 marzo, 13.15

Con i libri digitali le famiglie spenderanno un decimo di quello che spendono oggi. Lo ha evidenziato il ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, Francesco Profumo, intervenuto nella sede Rai di viale Mazzini, per la firma, con il dg Lorenza Lei, di una convenzione tra Miur e Rai Scuola per un nuovo progetto crossmediale.

In merito allo scetticismo degli studenti emerso da alcuni sondaggi, il ministro ha spiegato che ”qualsiasi novita’ mette sempre un po’ la ‘paura del buio’, ma nelle scuole c’e’ una grandissima qualita’ ed entusiasmo nonostante le difficolta’ e ci sono disponibilita’ a questo processo di modernizzazione del paese, che e’ inevitabile”. Senza parlare del vantaggio derivato dai costi: ”Il costo dei libri nelle scuole medie e’ di 300-400 euro a figlio, se in una famiglia ci sono tre figli si arriva a un investimento importante. La carta non deve scomparire, ma deve diventare uno dei mezzi a disposizione: possiamo immaginare di avere un piccolissimo libro di formato cartaceo, con un indice ben strutturato, e un ‘wiki'(una collezione di documenti ipertestuali che viene aggiornata dai suoi utilizzatori) che puo’ essere costruito direttamente dagli studenti, cosi’ il libro nasce di carta e domani diventa diverso magari arricchito di interventi stranieri e con un costo ridotto a un decimo. D’altronde la rivoluzione digitale che viviamo oggi – ha concluso – e’ paragonabile a quella di Gutenberg”.

Leggi la replica dell’AIE alle dichiarazioni del Ministro

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?