Nessuno muore in sogno – Katia Tenti

Titolo: Nessuno muore in sogno
Autore: Katia Tenti
Data di pubbl.: 2017
Casa Editrice: Marsilio
Genere: Giallo e thriller
Pagine: 416
Prezzo: 18,00

L’ambizione di certi padri é che i propri figli, alla stregua di cani addomesticati, siano grati per i sacrifici fatti per crescerli. E’ un ricatto affettivo come arma di riconscenza. Attraverso lo spauracchio dell’abbandono, pretendono non solo di tenerli legati a sé, ma di poter gestire la loro vita in funzione delle proprie aspettative“.

Jakob Dekas, Pubblico Ministero a Bolzano, si ritrova ad indagare su un caso di omicidio di una bellissima ragazza di buona famiglia, Claudia Von Dellemann, con la quale aveva avuto una relazione sentimentale “occasionale” alcuni mesi prima. Con lui collaborano al caso la collega Emma Blaas,  Santiago Malacarne (capitano dei Carabinieri) e il Maresciallo Barra, riportando tutti gli aggiornamenti al Magistrato Innocenza. Claudia è stata ritrovata legata e soffocata in casa sua, quasi sicuramente, sentita la coinquilina, mentre eseguiva della pratiche sessuali poco comuni – il bondage -. Ovviamente tutto deve rimanere allo scuro dalla stampa e dall’opinione pubblica, soprattutto per non screditare il buon nome della famiglia della vittima. Alla vicenda si aggiungono una serie di casi di violenza domestica su infanti, che in alcuni casi portano alla morte delle piccole creature. Per Dekas un vero rompicapo da risolvere, soprattutto con il passo di un elefante in una cristalleria: un passo falso e il magistrato Innocenza è infatti pronto a distruggere tutta la sua carriera.

Sentì i muscoli del collo tirare. Non gli aveva creduto. Un uomo impulsivo per natura arde costantemente di un fuoco estemporaneo. Conosceva fin troppo bene le reazioni di Dekas, l’impeto emotivo che brillava nei suoi occhi cristallini. Un uomo inguaribilmente limpido, incapace di dissimulare fino in fondo. Grande difetto.

Un giallo interessante nel suo genere, poiché, seppur a Bolzano, emergono delle consuetudini “all’italiana” che non favoriscono la risoluzione dell’indagine, ma anzi cercano di ostacolarla in cambio di favori o altro: parlo di assenza di meritocrazia, di relazioni parentali, di potere del clero, di favori agli amici, ecc. Per quanto il nostro Pubblico Ministero possa essere bravo e scaltro, se il sistema decide di farti fuori, non c’è capacità che tenga… Tu sei fuori! E dunque si crea questo effetto di tira e molla molto divertente: quando sembra di essere arrivati alla risoluzione del caso, esce sempre quell’elemento non calcolato, che insabbia quella prova e bisogna ripartire nuovamente. Un giallo all’italiana appunto!

Nessuno esce indenne dopo essere incappato negli ingranaggi distorti della giustizia, neppure dopo un’assoluzione. In Italia era una macchina creata per colpevolizzare, non certo per cercare la verità.”

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?