Giochi proibiti – François Boyer

Titolo: Giochi proibiti
Autore: François Boyer
Data di pubbl.: 2022
Casa Editrice: Adelphi
Genere: Narrativa
Traduttore: Maurizio Ferrara
Pagine: 130
Prezzo: € 16,00

Dopo Génie la matta di Inès Cagnati, Adelphi propone un altro interessante scrittore francese, da noi ancora sconosciuto.

È davvero una grande scoperta François Boier con il suo romanzo Giochi proibiti.

Il libro viene pubblicato in Francia nel 1947. È l’opera prima di uno scrittore promettente. Il libro, ignorato inizialmente dalla critica e dai lettori, dopo la trasposizione cinematografica di René Clément, ottenne un discreto successo.

Un folgorante e crudele romanzo breve sull’orrore della seconda guerra mondiale, una narrazione radicale che ha al centro i punti di vista di due bambini, Michel e Paulette.

Giochi proibiti è il racconto del male attraverso gli sguardi feroci di due bambini investiti dalla guerra.

La piccola Paulette nell’estate del 1940 su una strada di campagna vede morire i suoi genitori dopo una mitragliata di un aereo tedesco.

Vagando sbandata, incontra Michel che diventerà in mezzo all’orrore il suo compagno di giochi.

I due nuovi amici, impreparati alla grande paura della guerra, costruiranno cimiteri seppellendo tutti gli animali morti che incontreranno sulla loro strada, mettendo su ogni tomba una croce.

Questo è il loro gioco proibito grazie al quale si spingeranno nel cuore della furia della guerra.

Boyer con una scrittura crudele che imbarazza e spiazza descrive il mondo di Michel e Paulette e la loro iniziazione alla vita e alla morte, toccando profondamente il lettore che davanti ai due personaggi si rende conto che per loro non esiste altra realtà che la guerra, con cui si trovano a fare i conti e convivere.

La guerra è il più assurdo gioco proibito che Michel e Paulette vivono sulla loro pelle, quella oscena e inspiegabile crudeltà che porta gli uomini a uccidere altri uomini.

Giochi proibiti è un romanzo duro, disilluso, disincantato. Sullo sfondo c’è sempre una crudeltà che il suo autore racconta senza alcuna mediazione.

La crudeltà che è prima tutto  la cattiveria degli uomini  che mette in atto solo mattanze.

Boyer ne scrive con la specifica intenzione di provocare e di fare male.

Siamo davanti a un capolavoro senza tempo, una lugubre commedia umana che arriva  alla malvagità dei giorni nostri, capace ancora  di generare  la guerra, il più orrendo dei giochi proibiti.

2

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi