Feríta, Giovanna d’Arco, anno 1971

Titolo: Feríta, Giovanna d’Arco, anno 1971
Autore: Sergej Roić
Data di pubbl.: 2022
Casa Editrice: Mimesis, narrativa meledoro
Genere: Romanzo distopico
Pagine: 157
Prezzo: € 14,00

Visionario, poetico e inquietante, così si può definire l’ultimo lavoro di Sergej Roić, scrittore svizzero di origini croate/jugoslave e giornalista del Corriere del Ticino di Lugano.
Siamo a Parigi nel 1971. La rivoluzione studentesca del 1968 ha vinto, gli studenti sono stati salvati dall’esercito che si è schierato al loro fianco, De Gaulle è morto e sul paese governa il generale Roche, uomo di sinistra che ha affidato la stesura della nuova costituzione ai suoi generali e ai filosofi, a uno in particolare: Eric Feríta. La Francia mantiene un’ambigua alleanza con l’Occidente che osserva, senza ostacolarlo, questo nuovo esperimento egualitario.

A Parigi tutto è nuovo e meraviglioso come lo sono i sogni e le speranze, la passione e le visioni di Georges Aubry e della sua compagna Irene. Visioni e sogni che trovano riscontro nella travolgente immaginazione del regista sovietico Martin Aleksandrovic Belogradski, la cui ultima pellicola ha suscitato l’entusiasmo dell’Occidente poiché:

“…parlava innegabilmente di creazione, dell’infinito orizzonte della mente umana e di una fede tenace che andava al di là di ogni possibile manifestazione della materia.” (Pag. 27)

Pertanto, in patria, Belogradski è considerato un dissidente e gli viene tolta la possibilità di girare nuovi film. Così, una volta arrivato a Cannes per il festival, decide di restare in Francia e girare lì la sua nuova pellicola. Il regista si trasferisce a Parigi, in un albergo che guarda Notre-Dame e un particolare ponte sulla Senna dove Georges e Irene – amanti delle sue opere – ne attirano l’attenzione e vengono scritturati come attori. Belogradski, il ‘principe russo’ come lo chiamano gli ammiratori, avvolge i due giovani nelle spire delle sue visioni:

“Testimoniare della propria fantasia/memoria, disse una volta, dovrebbe essere l’occupazione di ogni coscienza lungo l’arco di tutta la sua vita.” (Pag. 41)

Belogradski amerebbe incontrare il professor Feríta e Georges vorrebbe che accadesse, ma si rende conto che ciascuno dei suoi ‘eroi’ sta inseguendo un assoluto e il loro incontro è impossibile. Intanto Belogradski spinge Georges a raccontargli la sua vita, lo spinge a diventare un ‘cacciatore di ricordi’, a frugare nel passato remoto e in quello recente così che Georges possa trasformarsi, infine, in un occhio consapevole: la cinepresa che, durante le riprese, fornirà una visione soggettiva degli eventi narrati. In un gioco di specchi e rimandi, Georges e Belogradski si scambieranno i ruoli e il giovane non saprà più se la memoria narrata è la propria o quella del regista. Ma anche la bella e trascinante Irene troverà un ruolo nel film: una novella Giovanna d’Arco, Jeanne, “apparsa dal nulla”, capace di travolgere con la presenza e le parole, la folla durante una manifestazione. Un suggerimento al regista che Georges fa credere venga dal Professor Feríta. Un suggerimento che piace così tanto ai sovietici da aprire le porte a una collaborazione fra URSS e nuova Francia con esiti che si riveleranno nefasti.

Roić è un grande amante non solo della letteratura e della parola scritta che usa con grande maestria e delicatezza, ma del linguaggio cinematografico e dei risvolti filosofici che si annidano nelle scelte compiute dagli esseri umani, siano esse politiche o sociali (e fra le due non c’è differenza, come si diceva nel ‘68). La storia che si dipana in questo bel romanzo distopico, ricchissimo di rimandi alle discipline citate, spinge il lettore a porsi mille domande sul significato di ciò che siamo o potremmo essere, sulla forza dell’immaginazione e della fantasia, su un mondo che sarebbe potuto esistere e sul Potere, quello terreno e quello del linguaggio: anche dopo la sua decostruzione – come avrà modo di argomentare Feríta nel finale – basterà ricostruirlo per generare un nuovo potere, non sapremo mai se migliore o peggiore del precedente. 

 

0
Francesca Battistella

Francesca Battistella (Napoli, 1955) si è laureata in Antropologia Culturale nel 1979 alla Federico II di Napoli e ha conseguito un Master nella stessa materia presso la Auckland University, Nuova Zelanda, nel 1982. Ha lavorato come Lettrice d’Italiano e Storia Contemporanea nella stessa università nel 1983 e nel 1984. Tornata in Italia è stata traduttrice dal francese e dall’inglese per l’Istituto di Studi Filosofici di Napoli e in seguito per dieci anni segretaria di alta direzione, promoter, editor e organizzatrice di eventi presso la società INNOVARE, gruppo Banco di Napoli. Dal 2008 vive e lavora a Lugano, Svizzera. Negli anni ha pubblicato il romanzo storico Gli esuli (2004), un giallo Il parco delle meraviglie (2006), un noir Re di bastoni, in piedi, una trilogia gialla ambientata sul lago d’Orta che comprende La stretta del lupo (2012), Il messaggero dell’alba (2014), La bellezza non ti salverà (2016) e ancora un noir La verità dell’acqua (2019). Gli ultimi cinque libri per la casa editrice Scrittura&Scritture. Scrive recensioni per Gli amanti dei libri, la rivista Airone (Cairo editore) e Luoghi di libri.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi