Anatolia – Annarosa Maria Tonin

Titolo: Anatolia
Autore: Annarosa Maria Tonin
Data di pubbl.: 2021
Casa Editrice: Digressioni editore
Genere: Narrativa
Pagine: 116
Prezzo: €12,00

A cosa serve  la letteratura se non a raccontare la vita attraverso la fitta rete dei suoi misteri?

Anatolia di Annarosa Maria Tonin è un romanzo molto particolare e tra le sue pagine il lettore troverà lo scorrere inquieto della vita attraverso diversi registri di narrazione dei quali fanno parte i personaggi.

Sofia e Angelina, le due principali voci narranti, due famiglie e le loro storie, sullo sfondo l’osteria Ai tre venti.

Anatolia in un certo senso è un romanzo spirituale tutto giocato sull’ interiorità drammatica dei personaggi e dei loro conflitti generazionali.

Il romanzo mette in luce tre figure femminili: Nina, Angelina e Sofia. Siamo negli anni che vanno da 1940 al 1980. Al centro la piccola osteria.

Nina, Angelina e Sofia sono le proprietarie e in prima persona si raccontano e raccontano gli intrecci di questa storia collettiva di diverse generazioni.

L’osteria diventa il centro della storia, la vera protagonista. Nelle sue stanze si intrecciano misteri e a un certo punto la storia prende l’andamento di un thriller.

Anatolia è un romanzo strano, molto strano, quasi difficile da raccontare. Ha una trama – labirinto in cui bisogna perdersi senza chiedersi il perché.

«La genialità di Tonin, – scrive Michele Saran nella prefazione – più che nella prosa sottrattiva, anche smunta in senso secessionista ma sempre egregiamente fluente e incalzante, sta così nell’organizzazione di questo flusso triadico, da Sofia, ad Angelina, alla Festa, in una scansione nondimeno mai davvero prevedibile».

L’autrice con molta abilità crea i luoghi del suo romanzo e li cuce addosso ai personaggi femminili, riuscendo  con una scrittura essenziale a costruire un ponte tra il passato e il presente  sul quale prende corpo la narrazione che allo stesso tempo diventa un suggestivo romanzo familiare, quasi una saga  generazionale attraverso la quale assistiamo alla passaggio della Storia nelle microstorie  delle esistenze delle tre protagoniste, donne che hanno in comune l’appartenenza a un trasporto emotivo sempre ricco di iniziative spirituali.

Anatolia è un romanzo che non ha tempo, i suoi personaggi sono sempre in bilico, vivono da perfetti equilibristi il rapporto con la memoria. Quella memoria di cui sono fatti i loro gesti, e che li vuole legati alla loro terra nonostante le contraddizioni, i segreti e le rivelazioni che nascondono un mondo interiore che attende di essere vissuto.

Annarosa Maria Tonin scrive una storia dai forti contrasti, racconta la vita, il bene e il male e tutti i misteri di questo gioco assurdo che si chiama esistenza.

3

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?