Il peso della grazia – Christian Raimo

Titolo: Il peso della grazia
Autore: Raimo Christian
Genere: Romanzo
Pagine: 464
Prezzo: 21.00 €

“Fiora mi stringe con le dita l’avambraccio, preme a fondo, rilascia. E l’ultima cosa che provo insieme a lei è che abbiamo un bisogno animale di staccarci, adesso; abbiamo bisogno di ritornare ognuno a sé, a ricordarsi della propria vita, la fame, la sete, i cartelloni pubblicitari, i lavori in corso, la fragilità delle ossa, le informazioni sul traffico, l’insofferenza, il sonno, il disagio, i titoli dei giornali, la stanchezza di gambe e braccia. Abbiamo bisogno di far rientrare il mondo nella sua dimensione, risalire fino in superficie e respirare dopo essere quasi affogati in una cosa così mostruosa che, non sapendo bene come chiamare, abbiamo concordato, senza dirci nulla, che fosse felicità”

Giuseppe è un giovane ricercatore di fisica impegnato in un fantomatico studio sulla stabilizzazione delle fiamme turbolente, un lavoro che diventa via via sempre più indefinito e inconcludente tanto che Giuseppe è costretto a guadagnarsi da vivere facendo le pulizie a casa di signore divorziate. La sua vita è un vero fallimento. Non ha amici, non ha contatti con la famiglia. L’unica persona che frequenta, quasi gli fosse stata mandata dal destino, è un barbone polacco che ha incontrato facendo volontariato, che l’ha scelto come sua ancora di salvezza e che fatalmente gli farà conoscere una persona, il medico oculista Fiora, che cambierà, per davvero, forse, la visione alquanto problematica e pessimistica che Giuseppe ha della vita.

Christian Raimo ha pubblicato per minimum fax due raccolte di racconti: Latte (2001) e Dov’eri tu quando le stelle del mattino gioivano in coro? (2004). Con Francesco Pacifico, Nicola Lagioia e Francesco Longo – sotto lo pseudonimo collettivo di Babette Factory – ha pubblicato il romanzo 2005 dopo Cristo (Einaudi Stile Libero, 2005). Ha anche scritto il libro per bambini La solita storia di animali? (Mup, 2006) illustrato dal collettivo Serpe in seno. Il peso della grazia è il suo primo romanzo.

Se vi dicessi che il libro è di facile lettura, che lo leggerete d’un fiato e che leggendolo passerete qualche ora di puro svago, vi mentirei.  Il libro è complicato, lo è per il linguaggio e per il contenuto. E’ fatto di 464 pagine di flussi di coscienza, di pensieri che  si susseguono e si disperdono l’uno nell’altro, senza una meta. Questo libro è un lungo sfogo di un uomo, Giuseppe, che ha deciso di riversare addosso a chi incontra e a noi che leggiamo la sua storia, tutte le sue ossessioni, tutti i suoi continui interrogativi sul perchè accade questo o quello, come e quando.

La letteratura e la vita sono pieni di personaggi problematici e questo non ci spaventa e non ci stupisce affatto però tutto questo interrogarsi dovrà portare a qualcosa, dovrà avere un senso per chi legge, dovrà offrirgli una via di scampo dal pessimismo più totale. La storia d’amore tra Giuseppe e Fiora è un’occasione di rinascita per Giuseppe? Gli farà avere una visione finalmente positiva di sé e del mondo? Non pare proprio. Giuseppe continua a portare avanti i propri interminabili e contorti monologhi anche nel rapporto di coppia. Racconta a Fiora la propria infanzia difficile e la accompagna ad un passeggiata romantica nella discarica di Malagrotta.

Raimo con questo libro ha senza dubbio voluto lanciarci una sfida.

0

Acquista subito

Giovanna Capone

Non dirò di me che ho sempre amato leggere, che ho imparato a leggere prima del tempo e che ho trascorso la mia infanzia leggendo libri e neppure che ho amato molto le favole. Per apprezzare la lettura occorre che arrivi il momento giusto e che si abbia la mente sgombra da altri pensieri.Quando capisci che il momento giusto è arrivato? Quando incontri qualcuno che ti spiega che, a volte, non è importante quello che c'è scritto in un libro ma il modo in cui è stato scritto, quando sullo scaffale di una libreria la copertina di un libro attira la tua attenzione e capisci che quello sarà il tuo libro, quando sei curioso di sapere se un titolo accattivante nasconde una storia altrettanto brillante. Cosa significa leggere? Riscoprire qualcosa di te, qualcosa che hai sempre saputo ma che nessuno se non un grande scrittore è riuscito ad esprimere con le parole.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?