Lutto – Edgardo Scott

Titolo: Lutto
Autore: Edgardo Scott
Data di pubbl.: 2021
Casa Editrice: Arkadia
Genere: Narrativa
Traduttore: Alessandro Gianetti
Pagine: 157
Prezzo: € 14,00

Edgardo Scott è nato nel 1978 nella provincia di Buenos Aires.

Appartiene alla generazione di autori che si sono affermati dopo la crisi argentina del 2001.

Grazie all’editore Arkadia, adesso possiamo leggere nella nostra lingua (tradotto da Alessandro Gianetti) Lutto, il secondo romanzo pubblicato dallo scrittore.

Lutto è un romanzo morale dove il suo autore scava e racconta la vita di Chiche, un uomo che perde improvvisamente la moglie, assassinata da alcuni malviventi durante una rapina nel suo negozio di elettrodomestici.

Scott racconta il lutto di Chiche e la sua quotidiana vita inutile dopo la scomparsa della moglie.

Il protagonista forse non crede nemmeno che il lutto vada elaborato, si muove ogni giorno nell’assurdo del suo quotidiano con addosso un carico inquietante di apatia per la vita che deve affrontare.

Non basteranno la figlia e lo stravagante amico Miguel a alleviare il suo dolore.

Chiche è un uomo profondamente solo e non ha nessuna intenzione di uscire dal tunnel del suo lutto.

La sua vita ripetitiva, che Scott racconta nel libro scandendone in capitoli brevi la dinamica con una prosa essenziale e folgorante, sarà la sua condanna e forse l’unico modo per redimersi da quell’agonia esistenziale in cui è finita la sua esistenza dopo l’omicidio della moglie.

Lutto racconta non solo la caduta di un uomo, ma anche la débâcle di un’epoca che ha perso la bussola dopo il crollo definitivo delle utopie.

Il disincanto lucido di Edgardo Scott è una caratteristica rilevante della sua scrittura che in ogni pagina del romanzo, attraverso la parabola morale discendente di Chiche, fotografa in tutta la sua desolazione una metropoli disumanizzata con tutte le sue sfumature di grigio e di nero, di cui fa parte il protagonista, un uomo incapace di riscattarsi dal suo nichilismo e che non fa nulla per evitare che il suo lutto lo travolga definitivamente.

Con Lutto siamo di fronte a quella letteratura del disagio che fa male ma apre gli occhi sulle macerie del nostro tempo.

In Lutto di Edgardo Scott si incontrano spesso Thomas Bernhard di Estinzione e T.S. Eliot della Terra desolata.

Il finale non lascia alcun dubbio e si resta colpiti dal tragico destino del protagonista e dal suo definitivo declino che riguarda anche noi.

1

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi