L’uomo che aveva visto tutto – Deborah Levy

Titolo: L'uomo che aveva visto tutto
Autore: Deborah Levy
Data di pubbl.: 2022
Casa Editrice: NN editore
Genere: Narrativa
Traduttore: Gioia Guerzoni
Pagine: 240
Prezzo: 18 €

Cosa c’è di vero nei nostri ricordi? È questa la domanda che il lettore si porrà alla fine del romanzo L’uomo che aveva visto tutto. Con parole taglienti e una trama incalzante, questo libro ci porta nella dimensione della memoria, in cui ogni frammento cerca casa.

Tutto ha inizio nel 1988. Il protagonista, Saul Adler, è un giovane ricercatore che si trasferisce nella Repubblica democratica tedesca, meglio conosciuta come Germania dell’Est. È giunto qui per completare i suoi studi, ma anche dopo che la sua ragazza lo ha lasciato senza un motivo. C’è però un altro particolare, prima di partire da Londra, la città in cui vive, Saul viene investito da un’auto mentre sta attraversando Abbey Road, celebre strada che riporta alla mente la copertina dell’album dei Beatles.

E tutti questi particolari cosa generano? Un gioco in cui i ricordi e gli eventi si legano tra loro, in cui scenari e persone cambiano repentinamente significato. Saul ricostruisce e ha bisogno di trovare una giustificazione a quanto è accaduto, ma in fondo non sa neanche lui in quale tempo e in quale universo collocarsi.

Ricorda che nella Germania dell’Est si era innamorato di un uomo, così come ricorda che la sua fidanzata lo aveva lasciato all’improvviso. Tra questi due eventi c’è un vuoto che il protagonista proverà a colmare dopo ventotto anni, nel 2016. Ma chi è Saul? Il nome ci suggerisce che le sue origini sono ebraiche, che il suo percorso sarà un po’ come quello dell’apostolo Paolo che ha avuto bisogno di un periodo di cecità per ritrovare la via maestra. Come tutti, più luce si fa nelle zone ombrose della propria coscienza e più ci si risveglia dal sonno dell’inconcludenza.

Il lettore si troverà dunque davanti a un libro non lineare, in cui la voce guida del protagonista sarà sempre aderente al suo caos mentale. Durante questa catarsi, trapeleranno ricordi ingannevoli e verità lapidarie che si scontreranno con la necessità di Saul di trovare una ragion sufficiente.

Ma spesso più che ragioni, l’uomo cerca di giustificare le proprie dimenticanze. Ed è forse questa la necessità di Saul?

1
Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi