L’ElzeMìro – Algoritmi sul tema dell’anguilla

mutuo-algoritmo-300x172

Algoritmo, gran bella parola,

e dir non si sa la fine che avrà;

un calcolo, un bandolo; la spola

corre ed arriva là dove vorrà…

Nell’età delle sciocche certezze giovanili, per un anguilla intendiamo, tra valli d’acqua salata né di té né di mé, appunto sguazzava un’anguilla, per nulla curiosa di ieri, domani o di se finché, s’imbatté in un girino. Al vedere l’anguilla, la sua negra scucchia, il corpo di serpe mancata, il fare degli occhi da stupida, minacciosi perciò, il girino si sentì divorato; ebbe però il guizzo di guizzare indietro e lanciò un grido soffocato; gli strilli dei girini sono a loro misura e gridare, a pelo d’acqua o sotto, non è comune quanto nel deserto; Oh mari a me, implorava fuggendo, Un drago; e fuggendo sparì. L’anguilla fu tanto sorpresa da quel chiamarla drago che lasciò lì di inseguire a papparsi il girino, si fermò anzi a specchiarsi nella propria fantasia, la interrogò, si vide immensa e minacciosa, s’ammirò e si rispose, Un drago per l’appunto, un drago come solo i cinesi sanno immaginarne. Incurante dei pericoli che anche un quieto padùle può rivelare più che nascondere, l’anguilla si esercitava tra le canne a soffiare fiamme come ogni drago sa, senza successo ma fiduciosa che la costanza l’avrebbe premiata. Distratta così, finì di lenti e lónfi ambipèdi nella trappola, si stupì, s’indignò di tanto sfrontato ardimento. Aggrovigliata tra altre anguille, sargassi viventi nel condominio scomodo di un’affollata vasca, non perse il tempo per osservarle, non draghi, non mostri le sue sorelle lì intorno; Checché, si disse l’anguilla, Fatta non fui al viver d’una vasca; e di cozzo dando col muso nel vetro, vide riflessa d’appresso alla sua, una corolla di nere facce e sghignazzi, un drago invero, che la osservavano da dietro. Io, io sono un drago, strillò, frustando con la coda l’acqua per scacciarle, soffiando forte assai, convinta si capisce, che di sue fiamme l’ira fosse l’ora. Ma si sfinì, sfiatò, morì.  Allora, Ben le sta, schioccò con la propria una coda di parole serpentine la più anziana e imponente tra le anguille e, sfilando tra loro con ducale sussiego disse, Povera sciocca non sapeva, che io, io sono un drago; io 

… Se al forno oppure in tegame che cosa n’è stato 

della povera sciocca che perse il suo fiato?

E dell’altra la grande della vasca duchessa 

che cosa ne fu, fu fritta, impanata oppur lessa?

algoritmo

Schermata 2017-05-09 alle 10.57.35

Lev TolstojIl primo gradinoManca Editore

Margherita Hack Perché  sono vegetariana - Edizioni dell’Altana

Pedro Domingos – L’algoritmo definitivo - Boringhieri

Peter Greenaway – Il cuoco, l’amante, sua moglie, il ladroBlue ray https://www.amazon.it/Cuoco-Ladro-Sua-Moglie-L’Amante/dp/B0082RHNL2

Umberto Veronesi – La scelta vegetarianaGiunti

1
Pasquale D'Ascola

Pasquale Edgardo Giuseppe D'Ascola, già insegnante al Conservatorio di Milàno della materia teatrale che in sé pare segnali l’impermanente, alla sorda anagrafe lombarda ei fu, piccino, come di stringhe e cravatta in carcere, privato dell’apostrofo (e non di rado lo chiamano accento); col tempo di questa privazione egli ha fatto radice e desinenza della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; avere troppe origini per adattarsi a una sola è un dato, un vezzo non si escluda un male, si assomiglia a chi alla fine, più che a Racine a un Déraciné, sradicato; l’aggettivo è dolente ma non abbastanza da impedire il ritrovarsi del soggetto a suo Bell’agio proprio ‘tra monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali’, là dove non nacque Venere ma Ei fu Manzoni. Macari a motivo di ciò o, alla Cioran, con la tentazione di esistere, egli scrive; per dirla alla lombarda l’è chel lì.

Ti potrebbero interessare...

  • Biuso

    Le proporzioni sono una forma tra le meno avvertite ma determinanti delle relazioni, vale a dire della vita stessa: dai girini agli umani e oltre. Il tuo racconto, Pasquale, (di)mostra questa verità con la sottigliezza di una tragica ironia.

    • https://dascola.me Pasquale D’Ascola

      Caro Alberto, mi fa maledettamente piacere avere il riscontro ogni volta di avere colto, almeno per approssimazione, almeno un bersaglio. Tu sai che mostro appunto. E che le proporzioni trovo nella forma. Io ammiro la tua estrema capacità di cogliere e riassumere. P.

  • Pasquale D’Ascola

    Caro Alberto, mi fa maledettamente piacere avere il riscontro ogni volta di avere colto, almeno per approssimazione, almeno un bersaglio. Tu sai che mostro appunto. E che le proporzioni trovo nella forma. Io ammiro la tua estrema capacità di cogliere e riassumere. P.

Login

Lost your password?