Le spose sepolte – Marilù Oliva

Titolo: Le spose sepolte
Autore: Marilù Oliva
Data di pubbl.: 2018
Casa Editrice: HarperCollins Italia
Genere: thriller
Pagine: 380
Prezzo: 17 €

Benvenuti a Monterocca, piccolo comune incastonato nell’Appennino bolognese.

È questo un paese con una Giunta tutta al femminile, in cui il rosa spicca tanto da essere soprannominato la Città delle Donne. Il rispetto della natura e delle buone maniere sono i punti cardine della vita quotidiana. Addirittura, qui ha trovato sede anche una azienda farmaceutica, ossia, il Centro Studi Rita, che porta avanti interessanti esperimenti su un nuovo anestetico che induce le persone a dire la verità.

Ma è tutta Monterocca ad apparire come un enorme esperimento sociale, grazie al quale si ridà dignità al ruolo della donna, senza porre l’uomo in secondo piano. Proprio nella ricerca della parità, attraverso il riequilibrio del rapporto tra generi, sta la grandezza di questo progetto umanistico e sociale.

Non tutte le ciambelle escono col buco, però, e qualcosa di terribile scuote il tranquillo borgo: una serie di omicidi conduce infatti a Monterocca. L’autore è un killer che ha una mania particolare: uccide uomini le cui mogli sono scomparse all’improvviso. Su di loro, il sospetto dell’uxoricidio non se n’è mai andato, ma è sempre mancata la prova regina… il cadavere. Fatto sta, che laddove non è arrivata la giustizia, è giunto l’assassino, che prima di compiere il delitto ha fatto confessare tutto al malcapitato, grazie al potente anestetico che induce a raccontare la verità.

Ecco a voi Le spose sepolte di Marilù Oliva, ultima fatica letteraria dell’autrice bolognese, con la quale dimostra di avere fantasia da vendere. A confermarcelo 380 pagine appassionanti sulle quali si ergono una solida impalcatura narrativa e una trama ricca di intrecci, come richiede il genere.

Ad indagare su quanto sta avvenendo, Micol, un’ispettrice giovane, ma anche impacciata; una figura che rimane impressa nella mente del lettore proprio per la sua semplicità. Una delle caratteristiche del libro è questa: personaggi comuni, né supereroi né tormentati-bastiancontrari che popolano da anni opere che ormai si leggono per passatempo. Oliva preferisce concentrarsi sulla sostanza, animando le pagine con uomini e con donne che hanno una loro unicità. Un lavoro sicuramente difficile in fase di stesura, ma che ripaga in termini di impatto.

Al di là della trama, la scrittrice bolognese riesce soprattutto a rendere palese il tema dell’opera, ovvero, la disgregazione dell’ambiguità mascherata da perbenismo e la vana presunzione di riuscire a creare una società perfetta… perché alla base della vita sta l’imprevedibilità dell’uomo, o meglio, il suo Es.

0

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?