Crepet presiede la Giuria del Premio Campiello 2013: che fortuna!

La Giuria dei Letterati del Premio Campiello 2013 è stata affidata al noto psichiatra Paolo Crepet. L’annuncio arriva dall’organizzazione del premio, giunto ormai alla 51ª edizione. Oltre al medico entrano in giuria Anna Ottani Cavina, storica dell’arte e Luigi Matt, docente di Storia della Lingua italiana. Paolo Crepet si è detto “onorato per la nomina” e ha già espresso la sua posizione a favore della piccola e media editoria. Nel corso del primo incontro infatti, chiederà ai giurati di esprimere un parere solo su libri non pubblicati dai grandi leader del settore, portando un elenco di grandi case da evitare nella fase iniziale della selezione. Il premio Campiello, va ricordato, viene assegnato da uno dei 300 lettori anonimi tra cinque titoli selezionati dalla Giuria.

La nomina dello psichiatra, spesso presente in televisione, ha suscitato non poche critiche sulla rete, anche se lui si è difeso ricordando che in passato molte altre figure estranee all’editoria sono state chiamate a presiedere la Giuria (come Giulio Andreotti, Gianni Letta, Mario Monti, Margherita Hack o Giorgio Albertazzi).

A dirla tutta, il problema non è nella professione (la lontananza dal mercato editoriale non implica una lontananza dalla lettura, anzi), ma nell’immagine che il medico ha dato di sé partecipando in modo ossessivo (e compulsivo, visto che di psichiatra si parla) a trasmissioni di ogni genere, fingendosi per altro esperto e tuttologo senza averne l’effettivo titolo. Ma si sa, i tempi della televisione non sono quelli di un buon libro.

0

Ti potrebbero interessare...

Login