Cioran. Ritratto di uno scettico estremo – Bernd Mattheus

Titolo: Cioran. Ritratto di uno scettico estremo
Autore: Bernd Mattheus
Data di pubbl.: 2019
Casa Editrice: Lemma Press
Genere: saggio divulgativo
Traduttore: Claudia Tatasciore
Pagine: 310
Prezzo: 22 €

La forza di Cioran è stata indubbiamente quella di andare oltre la filosofia, rendendola interrogativa, poetica, anarchica. Ha rifiutato ogni ideologia, ogni dottrina e ha rivolto contro di sé e gli altri il dubbio. Chi legge i suoi libri comprende anche le contraddizioni insite nel suo pensiero, proprio perché appaiono coerenti con il suo modo di vivere.

La biografia che ci consegna Mattheus è un’opera che va letta necessariamente da chi vuole approfondire l’autore romeno. In maniera dettagliata ci vengono delineate vita e sensazioni di Cioran, senza tralasciare i frammenti meno importanti della sua esistenza. Emil è ancora oggi indefinibile. Impossibile inserirlo all’interno di una scuola di pensiero. L’unica cosa della quale si è vantato: la libertà, per la quale ho patito la fame, le ristrettezze. Ho lottato per avere tutto ciò.

Cioran ha lottato per essere niente ed è questa la forza dei grandi uomini che sovrastano la storia e il continuum quotidiano. Partito dalla Romania negli anni ’30 è approdato a Parigi, città con la quale ha costruito un rapporto di amore e odio. Sicuramente, avrebbe potuto vivere dovunque e nulla sarebbe cambiato; d’altronde, i migliori momenti della sua vita li ha trascorsi in una mansarda che definiva fin troppo spaziosa. È stato sempre lontano dai salotti culturali. Tantissimi i premi che ha rifiutato; per lui, infatti, la consacrazione era un male, anzi, una umiliazione.

Cioran è sempre stato coerente? Certo che no! Alcune volte ha tradito e rinnegato il suo pensiero proprio perché si riconosceva uomo, e l’uomo è sempre contraddittorio. Umanità, ossia, cancro della Terra; suicidio, ossia, l’unica risposta coerente all’insensatezza della vita e a una nostalgia con la quale tutte le cose ci chiamano, restando nascoste dietro le pieghe dell’anima. Eppure, nonostante i suoi detrattori invitassero Cioran a farla finita per essere coerente con il suo pensiero, egli ha difeso la vita attraverso i suoi scritti. D’altronde, proprio la possibilità di poter sciogliere in qualsiasi momento i lacci con l’esistenza, mi ha dato la voglia di sopravvivere. Questa immensa libertà data agli uomini è sicuramente uno degli aspetti più intriganti della vita.

Cioran era un depresso cronico? I suoi sbalzi d’umore delineano sicuramente una persona sofferente, con molte turbe, eppure, Mattheus, sottolinea anche l’ironia e la spensieratezza del pensatore romeno, il quale sapeva giocare con il grottesco e dialogare con l’assurdo. Dopotutto, per Emil, la scrittura era terapia. La grandezza della sua “filosofia” sta proprio nella schiettezza delle impressioni non ragionate, ben sussurrate da quella voce universale che appartiene all’anima.

Cioran non si comprende se non nell’abbandono della certezza quotidiana. Bisogna abbracciare la paura e anche il dolore, accettando quello spaesamento di fronte al quale ogni uomo si trova almeno una volta al giorno. Emil non può essere etichettato; per quanto la sua prosa sia comprensibile a tutti, egli diventa ermetico per coloro i quali ancora vivono di utopia e incanto. Un tratto che ha ben evidenziato Vincenzo Fiore nella sua prefazione.

Buona lettura.

2

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?