VegPyramid junior – L. Pinelli, A. Fasan e L. Baroni

Autore: Leonardo Pinelli, Anna Fasan e Lucia Baroni
Titolo: VegPyramid junior – La dieta vegetariana per i bambini e gli adolescenti
Editore: Sonda
Pagine: 267
Data di Pubblicazione: settembre 2012
Prezzo: € 18,00

Sono molti oggi gli adulti che hanno deciso di seguire una dieta vegetariana, consapevoli dei benefici che tale alimentazione porta in termini di salute, longevità e rispetto dell’ecosistema. Ma quando la scelta vegetariana riguarda chi non è ancora adulto, e quindi bambini ed adolescenti, alcuni medici storcono il naso. Di fronte a tali allarmismi e a tanta ostilità, determinati anche dalla carenza di linee guida ad hoc per la dieta vegetariana di bambini e adolescenti, VegPyramid Junior rappresenta un valido strumento di orientamento per genitori, pediatri, professionisti dell’alimentazione e chiunque voglia apprendere dettagliate informazioni per una dieta vegetariana equilibrata e completa.

Una dieta vegetariana ben bilanciata, assicurano gli autori, è in grado di garantire una crescita sana ed equilibrata e di proteggere il bambino da alcune malattie tipiche dell’età adulta, quali obesità, malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di tumori. La realizzazione di una dieta equilibrata, tuttavia, si pone certamente come una sfida, e molti sono i dubbi e le domande che un genitore si troverà a dover affrontare: è importante raggiungere quindi un’ottima conoscenza delle necessità nutrizionali dei più giovani e di come queste possano essere soddisfatte con una dieta vegetariana.

VegPyramid Junior, manuale concepito come una sorta di guida che “vuole prendere per mano i genitori e permettere loro di creare una sintonia/sinergia con il pediatra di fiducia” (p. 15), offre un’analisi delle diverse necessità energetiche e nutrizionali nelle varie fasi della crescita e illustra i benefici di uno stile di vita alimentare di tipo vegetariano a partire dal secondo anno di vita del bambino. Insegna dapprima a capire cosa abbiamo nel piatto, e quindi i nutrienti, e poi con queste competenze ad organizzare la giornata alimentare.

Un  contenuto molto importante è rappresentato dalle tipologie di menu completi e proposti in base ai fabbisogni delle fasce di età, organizzati in cinque pasti quotidiani. Questi modelli di menu sono uno strumento fondamentale ed efficace ad uso del genitore e delle scuole, dal momento che sarebbe auspicabile arrivare un giorno ad offrire anche menu vegetariani nelle mense scolastiche. Risotti, pizza, frutta secca, crocchette di soia, yogurt di soya o riso, hummus di ceci, sono alcuni dei piatti suggeriti in questi menu, senza dimenticare che molti piatti della nostra tradizione mediterranea sono perfettamente in linea con la scelta vegetariana: pensiamo a pasta e fagioli, pasta coi ceci, riso e piselli. Il saggio è ricco di tabelle pratiche che forniscono informazioni sulle corrette porzioni e sulla composizione dei menu, semplici e di facile lettura.

Una parola infine sugli autori, tutti membri della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV): Leonardo Pinelli è un pediatra esperto in nutrizione, Ilaria Fasan una dietista specializzata in nutrizione pediatrica mentre Luciana Baroni, dirigente medico, specialista in Neurologia, Geriatria e Gerontologia, è la fondatrice e presidente della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana – SSNV. Personalità autorevoli, responsabili, scrupolose ma soprattutto desiderose di dare un supporto ed un sostegno alla scelta vegetariana. Il loro monito? L’insegnamento di Ippocrate: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”.

0
Chiara Barra

Se dovessi partire per un’isola deserta, e potessi portare con me soltanto un libro...sarebbe un’ardua impresa! Come immaginare la vita senza il mistero di Agatha Christie, la complessità di Milan Kundera, la passione di Irène Nemirovsky, l’amarezza di Gianrico Carofiglio, il calore di Gabriel Garcia Marquez, la leggerezza di Sophie Kinsella (eh sì, leggo proprio di tutto, io!). Ho iniziato con “Mi racconti una storia?” e così ho conosciuto le fiabe, sono cresciuta con i romanzi per ragazzi che mi tenevano compagnia, mi sono perdutamente innamorata dei classici...che ho tradito per i contemporanei (ma il primo amore non si scorda mai)!

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?