TITOLANDO di Cristina Pinnavaia

Sabato 24 dicembre: dopo un SONNO PROFONDO, complici i bagordi della sera dell’antivigilia, mi sveglio tardi ed un’idea mi balza in testa, forse un’idea balzana: “Quasi quasi ESCO A FARE DUE PASSI e faccio un salto in centro”. Senza accorgermene l’idea si trasforma in parole, generando inorridita meraviglia in mio marito: “NON TI MUOVERE da casa, ti ricordo che è la vigilia di Natale e ci sarà il mondo in giro”. Controbatto decisa: “IO NON HO PAURA della folla e poi vado NON MOLTO LONTANO DA QUI”. Lui prontamente mi ricorda che l’ultima volta che ho dichiarato di apprezzare il CAOS CALMO della folla alle prese con gli acquisti, ilRITORNO A CASA è avvenuto IN UN BATTER DI CIGLIA. Ma io cocciuta mi vesto ed esco; LA PASSEGGIATA dura poco, mi si rompono entrambi i tacchi e torno a casa sconsolata. Poi penso: “In fondo oggi è meglio non andare in NESSUN LUOGO. DA NESSUNA PARTE si sta meglio che a casa propria”.

0

Ti potrebbero interessare...

Login