TGLFF: Naomi Campbel e il mito di Tiresia

Il film Naomi Campbel proiettato al TGLFF in anteprima nazionale, nella sezione Concorso documentari, diretto da Nicolás Videla e Camila José Donoso affronta la complessa tematica del cambio di sesso di un transessuale cileno.

Chi è veramente Yermén? Un uomo, una donna, una chiromante, una strega, l’amante di un uomo più giovane che si vergogna di lei, una disperata che vaga ubriaca per la periferia di Santiago? Partecipare a un reality show potrebbe cancellare gli interrogativi che la riguardano: in palio un’operazione di chirurgia estetica. A tentare la sorte con lei un’enigmatica immigrata colombiana, decisa a divenire la sosia di Naomi Campbell: un incontro che spingerà Yermén alla scoperta di sé e del proprio corpo.

Yermén soffre terribilmente per quel corpo che non le appartiene e vorrebbe disperatamente cambiare sesso, per questo è disposta a sottoporsi a qualunque sofferenza che porterà l’operazione. Tuttavia abita in un quartiere povero e degradato, si guadagna da vivere facendo la cartomante al telefono e non ha i mezzi per pagare l’operazione chirurgica. Da qui nasce la folle idea di partecipare alle selezioni di un reality show il cui premio sarà l’operazione chirurgica. In attesa con lei c’è una giovane donna di colore che lavora in un night club e sogna, grazie all’operazione chirurgica, di poter somigliare a Naomi Campbell.

Sicuramente questa storia ci fa pensare al mito di Tiresia fu tramutato da uomo a donna e da donna  a uomo.

Tiresia ci fa pensare alla protagonista di questo film non solo per il suo cambio di sesso, ma anche perché come egli è stato consultato da Odisseo per avere notizie del suo ritorno a Itaca, così Yermén viene costantemente interrogata da moltissime persone che telefonicamente cercano una speranza nelle carte.

Tuttavia Yermén vive questo lavoro come una punizione e sostiene che quando sarà donna a tutti gli effetti abbandonerà questa occupazione per costruirsi una nuova vita.

La bellezza del documentario non sta solo nella storia e nella sua profondità. Nonostante la giovane colombiana venga accettata nel reality, lei la ritroverà sola, cosicchè riuscirà a giustificare la sua disperazione per non aver potuto beneficiare dell’operazione e finalmente arriverà ad accettare il proprio corpo capendo che le risposte che fino ad allora aveva cercato dagli dei e dai santi avrebbe dovuto cercarle dentro di sè.

Il libro che vi consigliamo è un saggio sul personaggio di Tiresia “Io Tiresia. Metamorfosi di un profeta” di Di Rocco Emilia, Editori Riuniti Univ.Press, 2007.

Insolitamente vi consigliamo anche il programma televisivo “Il Testimone” di Pif (http://ondemand.mtv.it/serie-tv/il-testimone/s05/il-testimone-s05e06-pif-persone-transessuali) dedicato appunto alla transessualità.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?