Quel maledetto Vronskij – Claudio Piersanti

Titolo: Quel maledetto Vronskij
Autore: Claudio Piersanti
Data di pubbl.: 2021
Casa Editrice: Rizzoli
Genere: Narrativa
Pagine: 234
Prezzo: € 18,00

Giacomo Debenedetti nel suo libro Il personaggio uomo parla della letteratura che nel corso del tempo si accorge che esiste un margine di rapporti tra l’anima e la realtà, un campo aperto alla voglia di vivere e di assaporare quel vivere, del tutto trascurati, o addirittura rimossi, a beneficio di un più ineccepibile funzionamento della macchina dell’universo.

Davanti alla straordinaria evocazione di mondi poetici, peculiarità della scrittura di Claudio Piersanti, esiste sempre un rapporto tra l’anima e la realtà, così come lo intendeva il noto critico letterario.

Anche in Quel maledetto Vronskij, il nuovo romanzo di Piersanti, uno dei nostri migliori narratori, ci troviamo immersi in un nuovo mondo poetico tutto da attraversare e che ha la sua anima nella realtà di un minimalismo quotidiano che ci riguarda.

La storia di Giovanni e Giulia, i due personaggi principali del romanzo,  è quella di una relazione avvincente in cui è chiamata in causa la vita nella forma immanente della sua adesione al vero.

Giovanni è un uomo mansueto, di professione fa il tipografo. Prima di mettersi in proprio lavorava in una grande azienda del settore editoriale.

Vive con sua moglie Giulia in una villetta con un giardino. Giulia lo cura con grande passione.

Un giorno il male entra nelle loro vite e spezza la serena quotidianità. Giulia si ammala gravemente.

Insieme superano tutto, Giovanni sta accanto a sua moglie. Giulia è guarita e il pericolo sembra scampato.

All’improvviso, nel cuore di una delle loro tante notti serene, Guilia ne va di casa, facendo perdere le sue tracce.

Giovanni non riesce a capire, perde la bussola della propria esistenza. Facendosi mille domande sul comportamento di sua moglie, si tuffa nel lavoro.

Trascorre le giornate, subendosi.  Un giorno, quando l’assenza di Giulia si fa sentire più del solito, si avvicina alla libreria è prende a caso uno dei tanti libri che sua moglie leggeva con avidità.

Giovanni tira fuori dallo scaffale Anna Karenina. Rimane subito colpito non dal fascino della protagonista ma dalla figura di Vronskij, il diabolico seduttore di Anna che si insinua come un tarlo nella mente di Giovanni.

Lui comincia a leggere e tra le tante ipotesi crede che sua moglie lo abbia lasciato per un altro uomo, un amante passionale appunto come quel maledetto Vronskij.

Deluso, amareggiato e in preda a una folle gelosia, in cerca di risposte decide di ricopiare il romanzo di Tolstoj per farne un’edizione unica e pregiata (carattere Bodoni, copertina in pelle, carta vergata naturale, da cento grammi, legatura perfetta) da regalare a Giulia quando e se tornerà.

Giovanni mentre lavora alla sua impresa continua a leggere Anna Karenina e senza pensarci sovrappone quello che gli sta accadendo a tutto ciò che trascrive.

Quel maledetto Vronskij  è un libro commovente, come lo sono da sempre tutti i romanzi di Claudio Piersanti.

La scrittura impastata di poesia raggiunge sempre i vertici. Anche in questo libro Piersanti inventa  in modo straordinario due personaggi.

Il romanzo racconta con un minimalismo struggente la storia di una coppia felice attraverso la loro relazione che si perde nel quotidiano delle piccole cose.

Piersanti, che come pochi scrittori sa entrare con i pensieri nelle vite dei personaggi che inventa, ci illustra con una scrittura delicata e intima tutte le dinamiche relazionali della coppia, rappresentata nelle pagine del romanzo in tutte le sue metamorfosi.

L’amore, la complicità, la malattia, la passione reciproca, la fatalità della felicità che svanisce quando nella vita di coppia si crede di essere per sempre al sicuro.

Anche Giovanni e Giulia scopriranno sulla propria pelle che c’è sempre un maledetto Vronskij in agguato, pronto a distruggere tutto.

Grazie (ancora una volta) a Claudio Piersanti, narratore di talento, per aver scritto un romanzo controcorrente di rara bellezza.

 

.

 

1

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi