Premio Merck 2014: un anatomopatologo e un fisico sono i vincitori

markL’anatomopatologo messicano Francisco Gonzalez-Crussi con il suo «Organi Vitali» (Adelphi 2014) e il fisico italiano Carlo Rovelli con il suo «La realtà non è come ci appare» (Raffaello Cortina 2014) sono i vincitori della dodicesima edizione del premio letterario Merck 2014 proprio, come spiega la giuria, “perché in essi coglie la capacità di tenere insieme l’assoluto valore scientifico”.

Il Premio Letterario Merck (in precedenza denominato Premio Letterario Merck Serono), è dedicato a saggi e romanzi, pubblicati in italiano, che sviluppino un confronto ed un intreccio tra scienza e letteratura.
Nato nel 2002, in breve tempo il Premio Letterario Merck Serono si è imposto come appuntamento di alto prestigio sia a livello scientifico che culturale.

L’obiettivo del Premio Letterario Merck è di stimolare un interesse per la cultura scientifica rendendo accessibile anche ai meno esperti argomenti di grande attualità ma spesso trattati in modo troppo specialistico, come le nuove frontiere della medicina, la genetica o le biotecnologie.
La Giuria del Premio Letterario comprende illustri scienziati, giornalisti delle pagine culturali delle più importanti testate italiane, autori di successo, editor di esperienza e importanti figure del mondo accademico nazionale ed internazionale.

Durante la premiazione del 10 luglio a Villa Miani a Roma una menzione speciale è stata assegnata a Giovanna Zucca per il romanzo «Una carrozza per Winchester – L’ultimo amore di Jane Austen» (Fazi Editore) e sono stati assegnati anche i riconoscimenti per il concorso di scrittura creativa «La scienza narrata», riservata agli studenti delle scuole superiori italiane.

 

 

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?