Pazzo weekend – Roddy Doyle

Autore: Roddy Doyle
Titolo: Pazzo weekend
Genere: romanzo 
Casa editrice: Guanda
Numero di pagine: 90
Prezzo: 10,00 euro

“Amavano la stessa musica, tifavano per la stessa squadra. Il Liverpool.” Pag 3

E’ così che inizia la storia di tre amici irlandesi, i quali decidono di partire per un week-end e andare a Liverpool per vedere una partita della squadra tanto amata. E’ un’amicizia profonda ed autentica quella che lega i tre protagonisti Pat, Dave e Ben ed è proprio questo sentimento l’ingrediente fondamentale della storia. Dopo l’ennesima sbronza, Ben, uscendo da un pub si perde e i suoi due amici cominciano la ricerca del disperso. A complicare la faccenda arrivano Barb e Tracy, due ragazze davvero fuori dal comune.

“Dublino è un posto pazzesco” disse Barb.
“E noi siamo pazze” disse la prima ragazza.
“Diglielo, Barb, che siamo pazze”.
“Siamo pazze” disse Barb.
“A proposito, io mi chiamo Tracy” disse “E lei Barb”.
“Siamo pazze tutt’e due”. Pag 26

Continua la ricerca di Ben, ma l’incontro con le due ragazze non si rivela d’auslio. Che fine ha fatto Ben? Possibile che sia sparito? Eppure, nonostante avesse il biglietto, non si è visto nemmeno alla partita della sua squadra del cuore. I risvolti del tutto inaspettati della faccenda li scopriremo solo negli ultimissimi capitoli.

Roddy Doyle è inconfondibile, si riconosce la sua straordinaria maestria nel far interagire i personaggi, i dialoghi sono intensi ed estremamente reali. In poche pagine l’autore racconta una simpatica storiella intrisa di quell’umorismo nordico che spesso fa sorridere durante la lettura. Un libro consigliato per sorridere e distrarsi per un po’ di tempo.

 Acquistalo scontato su IBS.it, disponibile anche in ebook!

0
Riccardo Barbagallo

Lavoro da qualche anno nell'editoria, mi occupo di comunicazione per editori e autori e sono un digital addicted. Al contrario di altri, non mi posso definire un lettore da sempre, 'La coscienza di Zeno' in prima media è stato un trauma troppo forte da superare per proseguire serenamente la relazione con la lettura. Più avanti ho deciso di leggere un libro per piacere, e non per obbligo, ed è stato lì che ho capito quale sia la vera forza della lettura: la capacità di emozionare. Credo che sia questo il segreto, se così possiamo definirlo. Non ho più smesso.

Ti potrebbero interessare...

Login