Novità in uscita nella settimana dal 14 al 19 Novembre 2011

Un nuovo appuntamento con la nostra rubrica domenicale che ci annuncia una selezione di novità in libreria dalla prossima settimana. Tanti i titoli in pubblicazione, ecco a voi quelli che vi consigliamo:

 

ROMANZI

Direttamente dagli Usa, Oprah Winfrey ci consiglia “La cucina degli ingredienti magici” di Jael McHenry, edizioni Corbaccio. Dopo l’improvvisa scomparsa dei genitori, Ginny, una ventiseienne riservatissima e patologicamente timida, cerca consolazione nella cucina di casa e fra le ricette di famiglia. Affettare, sbucciare, mescolare sono azioni metodiche che calmano la sua ansia, e il ricco aroma della ribollita – la cui ricetta ha scoperto sul vecchio ricettario della nonna italiana morta da anni – riesce a rassicurarla, malgrado la solitudine dovuta al trauma della perdita dei genitori e al carattere particolarmente introverso. Ma il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna fa apparire in cucina un ospite del tutto inatteso: il fantasma della nonna stessa, che le sussurra una frase sibillina: Non lasciateglielo fare prima di scomparire. Tuttavia, l’apparizione della nonna non è l’unico problema di Ginny: la sorella maggiore, la prepotente Amanda, ha infatti deciso di far vendere la casa dei genitori dove sono sempre vissute. Rassegnata, Ginny comincia a raccogliere tutti gli oggetti dei suoi e scopre dei segreti sepolti negli angoli più remoti, tra cui una lettera della madre, nascosta nel camino della camera da letto, e alcune fotografie del padre con una donna di cui ignora l’identità. Più scopre, più capisce che ha bisogno di aiuto per sapere la verità e l’unico modo per farlo è cucinare le ricette dei familiari, richiamando il loro fantasma…

Una storia deliziosa, che scava in profondità nel personaggio di Ginny, con la sua visione della famiglia e del cibo, con il bisogno urgente di trovare un’identità e un senso di appartenenza che non è necessariamente omologazione al resto del mondo. Una festa di parole che rende felici di essere dei lettori. Dal 17 novembre in libreria.

“Chi cammina con niente cammina con Dio. Un romanzo di avventura, un viaggio spirituale, un’inchiesta spregiudicata su un mondo svelato nei suoi misteri e nei suoi tanti luoghi comuni.”

Un sadhu, un baba, è un uomo che si è tirato fuori dal gioco vano della vita. Fuori dalla vita sociale governata dai rapporti economici come dalla vita affettiva dominata dai sentimenti. Il sadhu non possiede niente: tiene acceso il fuoco, si dedica alla corretta esecuzione dei riti, comunica con il divino. Ma è sempre così? Per anni Folco Terzani ha conosciuto e frequentato baba di tutti i generi, dai più spirituali ai cialtroni, ha vissuto nella giungla, si è sottoposto a consistenti privazioni per penetrare nel cuore di un mistero che non ha mai smesso di sedurre gli uomini, le donne, i giovani di tutte le culture. Il sadhu protagonista di questo racconto incredibile è un italiano. La sua vita di errori e di equivoci, di ostinazioni e di rinascita, attraversa un arco lunghissimo, cha va dagli anni della controcultura hippy oggi, dal mondo senza frontiere e senza passaporti degli anni Settanta, attraversato in tutti i sensi dai magic bus, alle nazioni chiuse e blindate dei nostri tempi. “A piedi nudi sulla terra” di Folco Terzani. Dal 15 novembre in libreria.

“Lauren Weisberger è tornata, con un libro ancora più ironico e tagliente sul mondo in cui tutte vorremmo vivere almeno per un giorno.” Publishers Weekly

Questa volta Il Diavolo dorme al Plaza, e Lauren Weisberger è tornata, più glamour che mai. “È assicurato, it’s a page turner”, scrive Vanity Fair, un libro che proprio non riesci a mettere giù. E che subito ha conquistato le vette altissime della classifica bestseller del New York Times.

Dopo l’autobiografico Il Diavolo veste Prada (1 milione di copie vendute solo in Italia), strabiliante esordio per oltre sei mesi saldo al primo posto in classifica sul primo quotidiano americano, irresistibile sul grande schermo nella straordinaria interpretazione di Meryl Streep nei panni griffati di Anne Wintour, storica e terribile direttrice di Vogue America dal 1988, e di Anne Heathaway nelle consumate scarpe da assistente della stessa Weisberger, questa volta la scrittrice ci trascina in un altro scintillante eppur perfido mondo. Quello delle major discografiche, dei tour, della carneficina del gossip, di Los Angeles e delle suite piene di champagne, del celebrity journalism con le sue prime pagine architettate alla perfezione per far soffrire la gente “normale” e un matrimonio fino allora felice.

Come quello di Brooke e Julian, coppia innamorata nella Big Apple, nutrizionista con due lavori lei, che porta avanti per sostenere il sogno di una vita di lui, chitarra sotto braccio, jeans sdruciti e maglietta bianca d’ordinanza: sfondare come musicista e cantautore. Fino a quando la Sony non lo lancia nella stratosfera del rock con un’apparizione al The Tonight Show e tutto, drasticamente, cambia… “Le luculliane descrizioni che la Weisberger fa della vita dei ricchi e famosi sono intossicanti. Sembra di essere lì”, scrive Bookreporter. “Il Diavolo vola a Hollywood” di Lauren Weisberger dal 17 novembre in tutte le librerie.

Un fiore non è solo un fiore. Ogni petalo, ogni foglia, ogni bocciolo comunicano un’emozione diversa e parlano di noi, di quello che proviamo o di quello che vogliamo esprimere nei confronti degli altri. Fiducia con la primula, amicizia con la fresia, dichiarazione d’amore con il tulipano, ma anche rabbia, con la peonia, oppure odio, con il basilico. Ogni fiore parla un linguaggio segreto, che trova le sue antiche radici nell’epoca vittoriana. Adesso come allora, i fiori accompagnano ogni occasione della nostra vita, preziosi per una promessa di fedeltà, un augurio di pronta guarigione, un matrimonio, un regalo di benvenuto.

Questo libro ti aiuterà a trovare il fiore giusto per te e per i tuoi regali. Contiene un dizionario di tutte le emozioni che possiamo esprimere attraverso fiori e piante, una selezione di fiori scelti per il loro significato storico e letterario e infine tantissime idee per creare il bouquet perfetto e anche più originale in ogni occasione della tua vita. Perché a volte ciò che non riusciamo a comunicare con le parole lo si può dire con un fiore. Perché dietro la spina di un cactus potrebbe nascondersi inaspettatamente una confessione di amore appassionato.Con un’introduzione di Vanessa Diffenbaugh, riccamente illustrato e ispirato al romanzo Il linguaggio segreto dei fiori – il fenomeno letterario dell’anno, con dieci edizioni in pochi mesi e centinaia di migliaia di copie vendute – “I messaggi segreti dei fiori” non è solo una guida ai fiori e al loro significato. È soprattutto il libro fondamentale per chi cerca un nuovo modo per esprimere le proprie emozioni. Un libro di Mandy Kirby, Garzanti editore, dal 17 novembre in libreria.

Esce il 17 novembre per Marco Tropea editore “L’insonnia delle stelle” di Marc Dugain. Autunno 1945. Il capitano Louyre occupa con la sua guarnigione la campagna tedesca, installandosi in un piccola città non lontano da Baden-Baden. In una fattoria isolata scopre una quindicenne che vive in condizioni di estrema indigenza: il padre è al fronte e la madre è stata confinata in una casa di cura. La fattoria è stata saccheggiata, ma nel fienile i soldati trovano una scatola contenente ossa umane carbonizzate. Louyre decide di portare con sé l’adolescente e di fare luce su questo mistero.
In città nessuno sa niente, o almeno nessuno vuole parlare. Il capitano mette in piedi una vera e propria indagine poliziesca, lui abituato a interrogare il cielo, visto che da civile è astronomo. E seguendo la vicenda della madre della ragazza, scoprirà che la casa di cura era stata destinata dai nazisti a esperimenti di eugenetica e eutanasia praticate su malati, handicappati e pazzi.

SAGGI

Come ogni anni il re dei vignettisti italiani, il maestro indiscusso della satira, disegna con arguzia e sense of humor il ritratto di un’Italia sempre in biblico tra la farsa e il ridicolo. Con le sue vignette graffianti, ma anche affettuose, svela i lati più inconsueti e paradossali dell’attualità nazionale e internazionale, facendo cadere nella sua rete politici, vip, soubrette e tutti quei personaggi che hanno segnato la cronaca dell’anno appena trascorso. Una lettura divertita e intelligente del Belpaese. “Eurodeliri”. Il nuovo graffiante libro di Giorgio Forattini. Dal 15 novembre in libreria.

“Quello che i mass media offrono non è arte popolare, ma intrattenimento destinato a essere consumato come cibo, dimenticato e sostituito da un nuovo piatto.” [Wystan Hugh Auden]

La questione sull’influsso dei media, che sappiamo di stringente attualità, è ormai venuta a noia ai mass media stessi e il termine medesimo – “mass media” – sbiadisce a poco a poco a causa di una martellante sovraesposizione, un po’ come la Gioconda di Leonardo.
Chiunque (anche chi scrive) si sente legittimato a darne una definizione. Chiunque coltiva l’illusione di sapersi, alla fine, salvaguardare, ma la realtà è che per capire l’impatto e le dimensioni del sistema mediatico bisogna studiare e non basta osservare. Questo è “Come difendersi dai media” di Enrico Cheli, La Lepre editore.

L’autore di questo saggio – docente di Sociologia e Psicologia della comuicazione all’Università di Siena; sociologo, psicoterapeuta e counselor; saggista e “personaggio televisivo” – risponde a una serie di interrogativi molto semplici sulla questione media, evitando, grazie a una seria conoscenza del tema, erorri e luoghi comuni. Ma non solo: il progetto di Enrico Cheli è una sorta di prontuario dove sono forniti consigli pratici e dettagliati per individuare, prevenire e “curare” gli eventuali effetti indesiderati prodotti dai giornali e dalla televisione; un libro di istruzioni nel quale sono spiegate preziose tecniche ed esercizi attraverso i quali è possibile scoprire autonomamente quali effetti alcune immagini, alcune letture e alcuni programmi esercitano su di noi e sui nostri figli. Dal 16 ottobre in tutte le librerie.

Pierre Rabhi nasce nel 1938 nel Sud dell’Algeria e a vent’anni si trasferisce a Parigi. Interrompe presto gli studi e inizia a lavorare come operaio specializ- zato. Trasferitosi con la moglie nell’Ardèche, si dedica all’agricoltura, comin- ciando a sostenere diversi programmi di tutela della terra e dell’ecosistema. Negli anni Novanta crea l’associazione Terre & Humanisme per la trasmissio- ne dell’etica e della pratica agroecologica e nel 2006 Colibris. “Manifesto per la terra e per l’uomo” è il suo invito a ricordarci del nostro futuro. Oggi è una delle figure di riferimento per la cura e la tutela della terra. Questo libro è il suo manifesto ed è il regalo che Rabhi ha fatto alle generazioni future. Add editore, dal 16 novembre in libreria.

GIALLI E THRILLER

Torna Clive Cussler. “L’oro di Sparta” è il suo nuovo romanzo. Dal 17 novembre in libreria. Longanesi editore.

Migliaia di anni fa, nella guerra tra due superpotenze del mondo antico, è andato perduto un tesoro di inestimabile valore tra le ombre della storia…

Nel 1800, durante la traversata delle Alpi, Napoleone Bonaparte si imbatte in una scoperta sorprendente  ed escogita un modo molto originale per tenerne traccia: una mappa disegnata sulle etichette di 12 bottiglie di prezioso vino. Ma alla sua morte, le bottiglie scompaiono e con loro ogni traccia del tesoro…

Sam e Remi Fargo vanno a caccia di tesori del passato per vivere, e più di una volta per questo hanno rischiato di morire. Durante un’esplorazione nella Grande Palude di Pocomoke, nel Delaware, i due scoprono un U-boot tedesco risalente alla Seconda Guerra Mondiale. All’interno, tra le altre cose, una bottiglia di vino della famosa “Cantina perduta” di Napoleone. Ma dove sono le altre? E soprattutto chi è l’uomo sulle loro tracce, che sembra disposto a tutto per mettere le mani sul tesoro?

Torna anche un maestro del giallo. James Patterson dal 17 novembre è in libreria con il suo ultimo lavoro “Senza appello”. Longanesi editore.

Un assassino psicopatico prende di mira le persone più innocenti e vulnerabili di San Francisco. Prime vittime: una giovane madre e il suo bambino, uccisi a colpi di pistola nel parcheggio di un centro commerciale. Unico indizio: un messaggio criptico scarabocchiato sul parabrezza con un rossetto scarlatto. Gli omicidi si susseguono, senza una logica, sempre più crudeli. La città trema e anche l’FBI, coinvolto nelle indagini, non sa che cosa fare. E mentre Lindsay e le sue amiche cercano di mettere insieme i pezzi del puzzle, uno degli assassini costringe Lindsay a un gesto che potrebbe costarle la vita…

L’autore ha vinto il prestigioso premio Edgar a soli ventisette anni e da allora si è imposto come uno dei migliori autori di thriller, conquistando un pubblico di lettori sempre più vasto nel mondo. E’ entrato anche nel Guinness dei primati, 55 volte nelle classifiche del New York Times, di cui 30 al primo posto. Beh, complimenti a Patterson!

FANTASY E YOUNG ADULT

“La città e la città” di China Mieville, Fanucci editore, dal 17 novembre in libreria. Immaginate due città, separate e unite allo stesso tempo, in un punto indefinito dell’Europa. Figlie della catastrofe post-sovietica. Due città sovrapposte, che condividono lo stesso spazio, ognuna con le proprie strade, i propri palazzi, i propri cittadini, la propria storia, la propria identità. Un’anomalia spazio-temporale, un capriccio tecnologico, un errore nella creazione, una scissione a un certo punto della storia? Tutto questo, o forse no. Per un cittadino dell’una il più grave reato è quello di vedere un cittadino dell’altra: sono due mondi vicinissimi, eppure incomunicabili, e la punizione per chi trasgredisce è certa e impietosa. Così tutti sono abituati fin dalla nascita a non-vedere, a sfuggire ogni forma di contatto con gli altri che pure sono lì, sotto i loro occhi e a portata di mano. Viene scoperto un delitto, in una delle due città, e le indagini portano fino all’altra città, e poi oltre, in un’altra realtà che nessuna delle due sembra conoscere, e che forse le trascende entrambe. Un romanzo che è allo stesso tempo una appassionante detective-story nel solco della grande tradizione noir del Novecento e una parabola nemmeno troppo nascosta della difficoltà di comunicare nel mondo alienato di oggi. China Miéville conferma in quest’opera tutte le sue eccezionali capacità di narratore e di manipolatore del linguaggio.

Dopo Il Bacio dell’Angelo Caduto e Angeli nell’ombraritornano Patch e Nora nella storia d’amore che ha conquistato le ragazze di tutto il mondo, superando il milione di copie vendute.

La guerra fra Nephilim e angeli caduti, nutrita dall’odio e dal disprezzo, rischia di uscire dai confini entro cui era stata confinata per travolgere gli essere umani. Le incomprensioni fra Nora e Patch sono finite, anche se per i due giovani amanti le prove si fanno sempre più difficili. E’ arrivato il momento che a lungo hanno cercato di rimandare, quello in cui è necessario affrontare i segreti nascosti nell’oscuro passato di Patch, ricongiungere due mondi inconciliabili, decidere se cedere al tradimento oppure alla fiducia. E il tutto in nome di un amore che trascende i confini fra cielo e terra. Armati solo della proprio fede l’uno nell’altra, la ragazza e il suo angelo custode sono chiamati a una sfida disperata: la battaglia contro ciò che ha il potere di distruggere tutto ciò per cui hanno lottato.

“Sulle ali dell’angelo” di Becca Fitzpatric . Piemme Freeway dal 17 novembre in libreria.

BAMBINI E RAGAZZI

Soli, lontani da tutti, in una notte scura, scura come se avessero spento le stelle e la luna, sopravvivono un ragazzo e il suo cane Tito. Lui sa perché sono soli, lontano da tutto quanto conoscono, perché patiscono il freddo, stretti in un sacco a pelo, perché si trovano in un mondo oscuro. Lui sa cos’è successo, sa che avrebbe potuto cambiare il corso degli eventi. E ha voglia di raccontare, ha bisogno di spiegare come tutto è cominciato…

Lui ha dieci anni, Tito tre. Ama i cani da sempre, è la prima parola che è riuscito a pronunciare. Vive in simbiosi con l’animale, lo adora. Ma un giorno, a scuola, il Direttore appende una comunicazione. È un nuovo editto del Sire: comanda al suo popolo che i cani di tutte le razze, taglie ed età sono banditi dal regno con ogni mezzo possibile. È un nuovo editto, certo: nel precedente ha deciso di bandire il gelsomino, il fiore profumatissimo, simile a una stella, simbolo del Regno. Le ricamatrici hanno gettato nel fuoco gli antichi disegni dei tralci di gelsomino che hanno accompagnato alle nozze tante fanciulle; i giardinieri hanno imprecato strappando con forza le radici di antichi rampicanti; e quando un soldato del Regno vede un piccolo fiore scampato alla strage lo calpesta con tutte le forze. Tanto i fiori non strillano quando muoiono, non piangono, non hanno voce. O almeno, nessuno li sente. È l’ennesimo atto di violenza nei confronti degli abitanti del reame. E gli atti di violenza e sopraffazione proseguono, con un ragazzo e il suo cane Tito alla ricerca del modo di salvare sé stessi e il mondo, i sentimenti e la purezza. “Solo con un cane” di Beatrice Masini, Fanucci editore, dal 17 novembre in libreria.

Dal 18 novembre sarà in libreria per BeccoGiallo editore “Un semino come me” di Anna Matarese eClaudia Polizzi. È primavera, e un semino di pomodoro, dopo aver trascorso comodamente l’inverno dentro a un barattolo, comincia un viaggio nella vita. L’acqua e il sole stimoleranno il suo risveglio, e sarà la terra, con i suoi piccoli e simpatici abitanti, ad accoglierlo e a fornirgli il nutrimento necessario per fargli mettere radici e crescere sano e forte nel mondo.

Attraverso esperienze d’incontro e scambio con l’ambiente, il semino si trasformerà da germoglio a pianta ricca di altri semi pronti a compiere nuovi viaggi e nuove fantastiche trasformazioni.

GRAPHIC NOVEL E FUMETTI

La saga del burattino più famoso del pianeta continua con il “Pinocchio” di Luigi De Pascalis, autore che ha già pubblicato con La Lepre Edizioni i romanzi Rosso Velabro, Il labirinto dei Sarra e La pazzia di Dio. Lo scrittore abruzzese si cimenta con una graphic novel di grande impatto visivo, destinata a sorprendere piacevolmente quanto lo conoscono solo come romanziere, ma non certo chi segue da decenni la sua attività di pittore e illustratore, iniziata sin dall’infanzia e da allora praticata in parallelo alla scrittura, mantenendo uno stretto legame tra le due forme espressive.

Il nuovo Pinocchio di De Pascalis ha un sapore volutamente rétro: è simile a un album di ricordi familiari, con le sue tavole color seppia che l’autore ha acquarellato con inchiostro grasso e realizzato “all’antica”, disegnando direttamente su lastre di acetato. A fare da contrappunto alle trasparenze del seppia è la concretezza un segno inquieto, ricco di chiaroscuri, che rendono giustizia all’allure fantastica del racconto e anche alla sua causticità. Dal 16 novembre in libreria.

Il 16 novembre arriva in anteprima mondiale nelle sale italiane Breaking Dawn – Parte 1 attesissimo nuovo capitolo della saga blockbuster di Twilight. La saga di Stephenie Meyer, fenomeno editoriale di immensa portata, pari soltanto a Harry Potter, ha venduto oltre 4 milioni e mezzo di copie in Italia e 118 milioni nel mondo. Per l’occasione sarà disponibile i

n libreria dal 18 novembre 2011: “Twilight: la graphic novel”. 

«E’ stato divertente lavorare a questa nuova interpretazione di Twilight. Young Kim ha fatto un lavoro fantastico riuscendo a trasformare le parole che ho scritto in bellissime immagini. I personaggi e le ambientazioni sono molto simili a ciò che avevo immaginato mentre scrivevi l serie» Stephenie Meyer

VARI

“Kill Bill” dal 17 novembre in libreria.”Io sono io”, sussurra Bill a Black Mamba nel secondo volume del double feature di Quentin Tarantino. E qui l’io sottovoce di David Carradine, il suo interprete d’eccezione, nonché uomo eccentrico e misterioso, emerge in tutta la sua umanità e il suo entusiasmo. Un diario di lavorazione che è anche diario adolescenziale, cioè ricco di dettagli e di coloriture, sotto il segno del cinema. Quel cinema che, nel caso di Carradine e di Tarantino, coincide con l’amore con la A maiuscola.

David Carradine (Hollywood, 1936 – Bangkok, 2009) è stato un attore e artista marziale statunitense. Diventato famoso, tra gli anni settanta e novanta, con la serie televisiva di culto Kung Fu, ha lavorato con registi del calibro di Hashby, Scorsese e Bergman. Ha interpretato Bill in Kill Bill vol.1 (2003) e vol.2 (2004), entrambi diretti da Quentin Tarantino.

Antonella Russo ci presenta il suo “Storia culturale della fotografia italiana”.

Questo volume intende ricostruire le caratteristiche e lo specifico contributo della fotografia italiana alla piú generale storia della fotografia internazionale, non solo analizzando le opere dei maggiori autori italiani, ma anche presentando il fitto tessuto culturale, sociale e istituzionale di immagini, mostre, scuole, dibattiti teorici, pubblicazioni e correnti in un ampio arco di tempo che va dal dopoguerra agli albori del digitale. Nel superare la convenzionale narrazione lineare tipica dei manuali di storia della fotografia, l’autrice esplora sulla base di minuziose ricerche d’archivio e della diretta testimonianza dei protagonisti temi poco dibattuti, quali l’associazionismo fotografico, il collezionismo, il paparazzismo, la fotografia umanitaria, la metodologia della ricerca storica, avanzando ipotesi sulle cause del clamoroso ritardo nell’affermazione della cultura fotografica nel nostro paese, intesa come formazione e diffusione di forme e significati socialmente condivisi. Per la profondità e la completezza delle analisi, come per l’accurata documentazione, il volume, corredato da 180 immagini in bianco e nero e a colori, molte delle quali inedite, si propone come indispensabile testo di riferimento per chiunque studi, collezioni o si interessi di fotografia e storia della cultura visuale. Dal 16 novembre in libreria.

 

Tra una settimana un altro appuntamento con le nostre “Anteprime”!

Gli editori interessati a far segnalare i loro titoli in questa sezione della nostra testata sono pregati di contattarci all’indirizzo editori@gliamantideilibri.it.

0
Riccardo Barbagallo

Lavoro da qualche anno nell'editoria, mi occupo di comunicazione per editori e autori e sono un digital addicted. Al contrario di altri, non mi posso definire un lettore da sempre, 'La coscienza di Zeno' in prima media è stato un trauma troppo forte da superare per proseguire serenamente la relazione con la lettura. Più avanti ho deciso di leggere un libro per piacere, e non per obbligo, ed è stato lì che ho capito quale sia la vera forza della lettura: la capacità di emozionare. Credo che sia questo il segreto, se così possiamo definirlo. Non ho più smesso.

Ti potrebbero interessare...

  • Pingback: URL()

Login