Noi, i vivi – Olivier Bleys

Titolo: Noi, i vivi
Autore: Olivier Bleys
Data di pubbl.: 2019
Casa Editrice: Edizioni Clichy
Genere: Narrativa
Traduttore: Paolo Bellomo
Pagine: 162
Prezzo: € 17,00

Olivier Bleys è un magnifico scrittore francese ancora poco noto in Italia, nonostante siano stati tradotti cinque romanzi.

Da qualche mese è uscito per i tipi delle Edizioni Clichy Noi, i vivi, un romanzo davvero straordinario.

La critica si è occupata poco e niente di questo libro, eppure senza alcuna enfasi siamo davvero davanti a un capolavoro autentico.

Un romanzo breve che spiazza e sconvolge il lettore e allo stesso tempo lo cattura in una rete di intrighi esistenziali sospesi tra l’assurdo e la realtà.

Jonas è l’elicotterista di Uspallata, un paese sperduto e solitario sul confine tra Cile e Argentina.

Durante una ordinaria missione di routine arriva al villaggio Maravilla. Tutto sembra scorrere normalmente. Il guardiano lo invita a fermarsi e gli presenta uno strano tipo che si chiama Jesus e di mestiere fa il verificatore di frontiere.

Arriva una tempesta di neve e Jonas non riesce più a partire e a tornare da sua moglie e sua figlia.

I giorni passano, l’elicottero sembra fuori uso, sono vani i tentativi di ripararlo. Lui incomincia a sentire addosso un’ansia terribile e avverte la presenza di una forza oscura che gli impedisce di tornare alla vita di tutti i giorni.

Bleys costruisce intorno ai protagonisti del romanzo intrappolati e imprigionati nel rifugio sospeso sul mondo una incalzante tensione noir. Con una narrazione avvincente sempre sul filo di un assurdo che toglie il respiro la storia diventa un labirinto complicato in cui il lettore si perde e con Jonas non trova più la strada del ritorno, smarrendo anche il confine che esiste tra la vita e la morte.

Riuscirà l’elicotterista a venire a capo della sua condizione?

«Ma noi, i vivi, brilliamo solo per un istante, non diamanti ma perle di rugiada, prima che la notti ingoi tutto».

Lo scrittore ci dà  un indizio, ma Jonas si guarda intorno e non riesce a capire ancora tutte le ragioni dell’assurdo in cui è precipitato.

Il finale è tragico, inatteso e incredibile. Anche noi, i vivi, insieme a Jonas varcheremo il confine ma forse non saremo mai pronti per il grande salto.

Noi, i vivi è uno dei romanzi più belli della recente letteratura francese. Un libro che indaga sui misteri dell’esistenza, sulla forza dell’amore, sull’inevitabilità della morte.

Olivier Bleys, con una penna straordinaria e poetica, ci consegna pagine bellissime e commoventi che parlano della nostra fragilità di essere uomini. Davanti a noi  quel confine dove un giorno la vita si spezza per sempre. Un’ allegoria dell’esistenza che ci legge dentro fino a dissanguarci.

1

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?