Molte vite, un solo inconscio – Andrea Napolitano

Titolo: Molte vite, un solo inconscio
Autore: andrea napolitano
Data di pubbl.: 2016
Casa Editrice: Editrice Il Torchio
Genere: Attualità
Pagine: 153
Prezzo: 15.00

Andrea Napolitano è psicologo, psicoterapeuta, nonché dottore in filosofia e cultore di buddhismo. Coniuga la passione per la filosofia orientale con quella per la psicologia occidentale, interessandosi di quei lati misteriosi della vita che entrambe queste discipline possono contribuire a svelare e illuminare. Con il suo libro “Molte vite, un solo inconscio”, l’autore ci offre una straordinaria raccolta di esistenze precedenti o risonanze archetipiche fra ipnosi regressiva e psicologia analitica.

Fino a qualche decennio fa, la psicologia raramente si è occupata di “anima”, concentrandosi maggiormente sui comportamenti, sui disturbi psichici o sulle capacità cognitive, nonostante la sua origine etimologica derivi proprio da questo termine (dal greco psychè, ossia “anima” ndr). Solo alcune branche della psicoterapia si espandono nell’impervio terreno della cura dell’anima, sconfinando in una regione in cui ricadono anche religione e spiritualità. La religione e la spiritualità si sono sempre poste delle domande sull’origine e sul destino dell’uomo, sul significato della vita e della morte. Assieme a loro esiste una corrente psicoterapeutica che si pone le medesime domande: l’ipnosi regressiva. Ed è proprio mediante questa tecnica che Andrea Napolitano cerca di porre al lettore una serie di numerosi casi clinici che hanno tratto benefici terapeutici mediante la rievocazione di vite che la propria anima ha vissuto in epoche passate. Mediante la rievocazione inconscia di queste immagini il paziente è in grado di comportarsi in modo differente riuscendo a superare i malesseri che lo colpiscono nel suo presente (concetto molto simile alla teoria indo-buddhista del karma, secondo cui tutto ciò che ci accade nel presente è il risultato delle nostre azioni passate, e i dolori che sopportiamo non sono altro che il faticoso tentativo di assimilare lezioni di vita che in passato non siamo riusciti ad apprendere).

Un approccio certamente non semplice e che potrebbe toccare la sensibilità e la spiritualità di molte persone, ma l’autore riesce a trasformare concetti complessi in esempi facilmente capibili senza sconfinare nella necessità di imporre un credo religioso o di contraddirne uno. Per l’autore non importa che il lettore creda o meno all’esistenza di vite passate, bensì che sia conscio che la rievocazione di immagini funziona, porta luce interiore e porta benessere a persone che hanno sofferto di gravi problemi.

Il libro, nonostante una prima parte molto tecnica e teorica, si legge bene in modo scorrevole e i numerosi casi clinici riportati fanno riflettere il lettore su un quesito di difficile risoluzione: esistono davvero vite passate o è solo frutto dell’immaginazione dei pazienti?

2

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?