L’ultima estate di Catullo – Alessandro Banda

Titolo: L’ultima estate di Catullo
Autore: Alessandro Banda
Editore: Guanda
Anno di pubblicazione: 2012
Pagine: 
195

Alessandro Banda, professore e scrittore altoatesino, in questo suo ultimo romanzo affronta molte questioni come l’amore, l’amicizia, l’arte ed il fato.

L’autore usa il personaggio storico di Catullo, scegliendo e rielaborando alcuni momenti della sua storia personale, per farci riflettere sulla vita ed alla fine del libro abbiamo l’impressione che l’uomo, con le sue gioie ed i suoi drammi, non cambi mai e sia destinato a credere alle stesse falsità e commettere gli stessi errori.

Il poeta all’età di 30 anni si trova sulle sponde del  Benaco, il lago della sua infanzia. Lì si abbandona ai ricordi e riflette sulla sua formazione e sul suo contrastato amore con Clodia/Lesbia. Il lettore vede e sente attraverso i suoi occhi e soffre con lui. La vita gli sembra vana e piena di insidie, la storia sembra un racconto già scritto in cui gli uomini sono come gli attori: devono solamente accettare il loro copione. Catullo sembra dirci che ognuno ha un desiderio, che è il suo motore di vita  ma nel contempo una causa di sofferenza, perché non riuscirà a realizzarlo pienamente. Quando incontra Cesare, il grande comandante, gli dice  infatti che tutti i suoi trionfi sono vani, perché ci sarà sempre qualcosa o qualcuno che vanificherà le sue vittorie.

“Sei come Tantalo che si avvicina affamato al frutto e il frutto si ritira da lui, continuamente. Continuamente sei costretto a versare acqua con un setaccio in un vaso bucato come una Daneide. Sei condannato, Catullo, come Sisifo, come  Cesare, a portare il macigno sulla cima del monte e, appena ti giri, il macigno rotola giù e devi ricominciare la fatica.” (pag 30).

Credo che l’umanità dei personaggi che incontriamo nella lettura sia dovuta alla formula del dialogo fitto in cui si alternano domande e risposte. Sono domande che ognuno di noi formulerebbe nello stesso modo, perché il poeta Catullo descritto da Banda è spesso umile, dimesso, curioso, attento nella comprensione dei vari aspetti della vita. La sua formazione è descritta attraverso gli insegnamenti del retore Valerio Catone a cui il giovane Catullo, innamorato della vita allo stesso modo che della poesia,  pone domande sulla tragedia, sul sublime e sulla pietà. Catone insegna al suo allievo che nell’arte quello che più conta non è tanto la tecnica e il comporre buoni versi, ma ciò che si riesce a trasmettere.

“Sappiate che un grande ingegno non è immacolato. Un pedante invece può anche esserlo. Ma è infinitamente meglio una pagina capace di trasmettere forti emozioni, slanci, passioni, benché con qualche eccesso o imperfezione , piuttosto che l’esattezza curata nei dettagli  di un impeccabile burocrate dello stile” (pag 39)

Il grande amore che ha caratterizzato la vita del poeta è stato quello per Clodia o Lesbia, una donna sposata che  rappresenta l’amore dolce, sensuale e allo stesso tempo traditore. Ogni donna che il poeta incontrerà sarà sempre paragonato alla sua amata e quindi nessuna potrà mai soddisfarlo. Catullo sembra credere alle promesse di fedeltà di Clodia, che lui ritiene sposata ad un ricco idiota. Forse sciocco e credulone è lo stesso poeta, che cade di fronte alle belle parole della sua amata.

“Fosse pure l’uomo più bello della terra a chiedere di me, a battere alla mia porta, a cantare le sue suppliche davanti ai battenti chiusi, a coprirla di ghiande e profumi…No che non gli aprirei” (pag 121)  “Fosse pure ricco, ricchissimo, più di Creso, più di Crasso, mi coprisse di doni, di collane, di anelli, mi regalasse ville e terreni…lo manderei via” (pag 122) “Fosse  potente più d’Alessandro, e avesse conquistato Parti, Armeni, Indi e Ircani, Babilonesi e Persiani, fosse come Cesare, avesse varcato il Reno, inseguendo Sugambri; avesse varcato il Tamigi, inseguendo Britanni tatuati col vetro…lo respingerei” (pag 122).

Queste dichiarazioni d’amore sembrano molto ironiche se confrontate con la Clodia che tradirà il poeta. Il poeta si sentirà abbandonato dalla sua amata e per lui niente sarà più come prima, perché per lui l’amore era quel frutto proibito a cui poteva solamente avvicinarsi, ma mai gustare fino in fondo.

 Acquistalo scontato su IBS.it, disponibile anche in ebook!

 

0

Ti potrebbero interessare...

Login