Libri: stabili le spese degli italiani per leggere nel 2014

imageL’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori ha affermato che le spese degli italiani per leggere nel 2014 sono rimaste stabili. Nonostante alcuni indicatori risulterebbero negativi, l’anno passato è stato un anno di trasformazione per il settore librario. I lettori italiani infatti hanno speso quasi 1,5 miliardi di euro, 51,7 milioni in ebook e 1,2miliardi nei libri di carta. Nonostante i lettori siano diminuiti, come confermano i dati dell’Istat, passati dal 43% al 41,4%, i forti lettore restano stabili. Diminuita, è anche la produzione dei libri di carta, nel 2014 si sono prodotti 63’417 titoli il 51% in meno rispetto al 2012 e con un prezzo di copertina medio di 18,4 euro. Al contrario è cresciuta la produzione di ebook, la produzione infatti rispetto al 2012 è aumentata dell’88% producendo ben 53’739 titoli. Il 2014 perciò si è tristemente chiuso con il segno meno per il cartaceo, con un calo di acquisto nelle librerie di catena e indipendenti e con un aumento in quelle online che oggi pesano il 13,8%, 8% in più rispetto al 2013. A crescere è invece il mercato dell’ebook con un fatturati di 51,7 milioni di euro, più del 39,4% rispetto al 2013.
Peresson, il responsabile Ufficio degli Studi AIE ha affermato nel comunicato stampa divulgato dall’Associazione Italiana Editori: “Questo quadro ci dice che siamo entrati in una nuova fase: di lettura, acquisto, anche di produzione. I paradigmi stanno cambiando. Non è in crisi il libro. Siamo di fronte a un radicale cambiamento nel mix, in cui innovazione è la parola chiave per tenere conto di una società più liquida e fluida.”

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?