L’ElzeMìro – Titoli meriti e onori


o_=

                                                                   Anonimo – 0_=

BA 10

Caro Professore, lei non mi ha insegnato, mi ha cambiato il modo di imparare, dunque la vita…

Caro Professore, non potevo immaginare che lei potesse leggermi nel profondo e con tanta…

Caro professore, non so dirle come mi sento ma tutto quello che sono lo devo a lei, dunque…

(…) Io spero soltanto di riuscire con i miei allievi come lei è riuscito con noi, almeno un po’…

Caro Professore, potrei dire caro amico adesso che si può, la ringrazio per tutto quello che…

(…) Sono certa che porterò sempre le sue parole nel mio cuore…

Beata beota, fu il pensierino infantile dell’anziano professore ***. Depose l’ultima delle tante lettere sul tavoluccio di cucina, smosse nelle pantofole strapugnente le dita dei piedi intorpidite, versò tutto il caffè rimasto nella moka per otto, da questa alla sua tazzona da bosco e da riviera, l’unica; trincò il liquido ormai tiepido con la voluttà che deriva dall’amaro. Depose la tazza vuota e in quel momento stesso ebbe il sospetto, sostenuto dall’imprevedibilità della sensazione, che tutte le attestazioni, dichiarazioni, parole d’amore, intenti manifesti e sotterranei di altri, occulti o incompresi, non fossero altro che il prodotto di un inganno, persino patologico. In sostanza che nessuno aveva salvato o cambiato nessuno, men che meno lui. Gli venne in mente Socrate e si suggerì che per parte sua non poteva far altro che lasciarsi uccidere. Lui dalla propria, pure non credeva di aver saputo né insegnato qualcosa. Gli parve che una vanità avesse alimentato la professione; la melodrammatica messe di messaggini e letterine che nel tempo aveva collezionato e di cui per sua stessa ammissione si era compiaciuto, non era dovuta ad altro che a un’illusione di cui era riuscito a convincere sangue innocente, innocente poi non tanto, non poco; una giostrina di specchi. Nessun merito, nessuna infamia, niente; questo pensiero si approssimava al suo cielo come una nuvola fa volando nel proprio; stava capendo, o così gli sembrava, le nuvole dopotutto hanno qualche importanza. Così la certezza dell’inganno, il frammento chiave di essa, andò a combaciare e ad incollarsi da sé con il resto dei cocci nell’archeologia della sua memoria, ricomponendo per sempre il vaso del suo vuoto.

L’anziano professore uscì sul terrazzino del suo asiluccio da pensionato immiserito e persino senza un cane; era libero, e dal suo vuoto si slanciò nel vuoto del quinto piano. Pensò qualcosa, ma il pensiero fu meno rapido del volo.

BA 10

Vittorio de SicaUmberto D. - https://www.youtube.com/watch?v=m34a_Roe6OM

Ivan GončarovOblomov - Einaudi

 Pietro Metastasio,Egidio Romualdo Duni – in Giuseppe riconosciuto ➠  Se a ciascun l’interno affanno ➠ min. 13:55  https://www.youtube.com/watch?v=wWzELk_3Nug

BA 10

0
Pasquale D'Ascola

D'Ascola Pasquale fa l’insegnante in una autorevole istituzione dello Stato ed è un qui pro quo che, privato da un’anagrafe lombarda dell’apostrofo meridionale, di questa privazione ha fatto il suggello della propria forzata quanto desiderata eteronimìa; l’intuizione di questa possibilità si è andata configurando a seguito della scoperta di avere troppe origini per adattarsi a una sola che però, riassunta con termine francese, gli assomiglia, déraciné, sradicato, dolente aggettivo ma non tanto da impedirgli di ritrovarsi infine a suo bell’agio tra "monti sorgenti dall’acque ed elevate al cielo cime ineguali", là, tra i confini che meglio definiscono le possibilità di un carattere al limite; a motivo di ciò o, per dirla alla ciò-ran, con la tentazione di esistere, egli scrive; ciò è. Blog https://dascola.me

Ti potrebbero interessare...

  • Biuso

    “ma il pensiero fu meno rapido del volo” è una chiusa che tocca la potenza e l’amaro della vita.

    • https://dascola.me Pasquale D’Ascola

      Sono contento che questa chiusa chiosi tanta potenza e tale amarezza. Grazie.

    • Pasquale D’Ascola

      Sono contento che questa chiusa chiosi tanta potenza e tale amarezza. Grazie.

Login

Lost your password?