L’armonia del mondo – Pietro Citati

Titolo: L'armonia del mondo
Autore: Pietro Citati
Data di pubbl.: 1998
Casa Editrice: Adelphi
Genere: saggio divulgativo
Pagine: 297
Prezzo: 13 €

Non è un romanzo, non è un saggio, è semplicemente l’esposizione di un punto di vista, il racconto di mille esperienze che si incastrano e si amalgamano fino a creare un’armonia. Sinfonia che può piacerci o meno, che può essere ascoltata in religioso silenzio o silenziata riga dopo riga. Ma alla fine sarà stata un’esperienza emozionante. Un vero e proprio viaggio.

Fin dalle prime pagine ho paragonato L’armonia del mondo a una chiacchierata intrattenuta con un amico. Non importa dove e questa si sia tenuta, l’importante è la mia capacità di ascolto. La mia concentrazione. Citati mi ha parlato di gatti, di fanciullezza, di politica, dei cambiamenti della lingua italiani, dei luoghi dello spirito disseminati sul nostro territorio nazionale, della decadenza del mondo moderno, di Cioran, dei comunisti e dei democristiani.

Di sicuro è un amico colto e mi sento molto fortunato di averlo tra i miei conoscenti e spero che in futuro mi consideri ancora degno delle sue confidenze, perché ho appreso molto e soprattutto mi sono schiarito le idee su alcuni argomenti a me ignoti. Ma la sua capacità è stata quella di non influenzarmi con il suo giudizio. Mi ha lasciato libero. Per la prima volta ho ascoltato un discorso ricco di colori, di sfumature, di riflessioni, con l’unico scopo di portarmi a conoscenza dei fatti.

Non ho capito se Citati sia comunista o democristiano, se sia uno snob o un uomo semplice e mite. Francamente neanche mi interessa. Eppure mi ha affascinato e mi ha tolto dalla testa tantissimi pregiudizi sulle cose che fanno parte della nostra amata nazione. Gira e rigira, infatti, Citati parla delle miserie e delle grandezze che formano il tappeto armonico italiano. Ma lo fa con ironia e nostalgia.

Ma cosa ancor più grande, egli non vuole tracciare lo spirito dei nostri tempi. Lui non ama questo vivere per fare la storia tipico degli individui della società contemporanea, preferisce parlare del nostro ethos che di sicuro si forma nei secoli ma che la cui origine è divina. Diciamo pure che è il punto di contatto tra il cielo e la terra e quindi è eterno.

Ma di cosa parla Citati? L’armonia del mondo ci racconta del mondo dei gatti, del loro sonno che dovremmo guardare con attenzione perché è un antidoto contro la noiosa meccanicità della vita. Ci parla di come viveva Cioran, della comunità monastica di Bose, di cose quotidiane ma ricche di significato, di cose grandi cui abbiamo dato troppa importanza.

L’armonia del mondo quindi è un racconto confidenziale sull’Italia, sui nostri pregi e sui nostri difetti. Un dialogo ricco di stile che Citati intrattiene con noi, senza porsi al di sopra dell’ascoltatore-lettore, ma rimanendo al suo fianco magari sorseggiando un buon caffè o gustando un gelato, come quelli che i borgatari mangiavano con avidità nelle piazze di Roma.

Un’ultima cosa devo dirvela. Questo libro è uscito per la prima volta nel 1998 eppure tutto è come venti anni fa.

0

Acquista subito

Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?