La zia Julia e lo scribacchino – Mario Vargas Llosa

Titolo: La zia Julia e lo scribacchino
Autore: Mario Vargas Llosa
Casa Editrice: Einaudi
Traduttore: Angelo Morino
Pagine: 350
Prezzo: 12,50

Compie 40 anni uno dei più affabulatori, coloriti, carnali romanzi di Mario Vargas Llosa, l’importante e bravissimo romanziere peruviano di 81 anni, premio Nobel per la letteratura nel 2010: un narratore puro. “La zia Julia e lo scribacchino” (Einaudi) è un incrociarsi pirotecnico di storie vivide, una vera festa della immaginazione narrativa, affidata al personaggio di uno scrittore stravagante e stralunato, una specie di Balzac creolo, un piccoletto sgraziato dalla voce affascinante e dall’immaginazione poderosa che sforna, per dodici ore al giorno, romanzi radiofonici che appassionano le folle.

Ecco la videorecensione:

4
Michele Fazioli

Il “Circolo dei libri” è un luogo elettronico ma anche un luogo di persone, di incontro vero. Per il piacere della lettura. Per condividere con altri il gusto del leggere, che per principio è individuale ma può anche farsi compagnia. Il Circolo si attiene, almeno per il momento, alla sola narrativa, con libere scelte soggettive, senza la pretesa di essere esaustivo. C'è la condivisione via web e c'è quella degli incontri concreti, i “Circoli di lettura” creati in alcune città e località della Svizzera e diretti da Michele Fazioli, responsabile del “Circolo dei libri”. Il sito del Circolo contiene video di presentazioni librarie e le recensioni scritte, aggiornate e catalogate, con un motore di ricerca. C'è un blog e ci sono le news per i Circoli di lettura. Michele Fazioli, giornalista, di Bellinzona, una vita alla RSI, Radiotelevisione Svizzera. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Losanna, ha diretto a lungo le testate giornalistiche della TV svizzera di lingua italiana e ha ideato e condotto programmi televisivi specifici, fra cui un ciclo, durato vent’anni, di interviste con personaggi di spicco e un programma settimanale sui libri, durato 25 anni, il sabato in prima serata. La sua passione di sempre e di fondo è appunto quella dei libri. Non si considera un critico letterario ma un esperto, formatosi sul campo, di narrativa, frequentata soprattutto come lettore ma poi anche come responsabile di presentazioni, segnalazioni e commenti alla televisione e sulla stampa. È un “divulgatore di libri” e in questa prospettiva ha ideato il “Circolo dei Libri”. Collabora con rubriche personali al "Corriere del Ticino", al "Giornale del Popolo" e a "Ticino Welcome".

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?