La voce del silenzio – Stefania Serio

Titolo: La voce del silenzio
Autore: Stefania Serio
Data di pubbl.: 2017
Casa Editrice: Harper Collins Italia
Genere: Romanzo rosa
Pagine: 204
Prezzo: 3,99

Lorena Sperti è una scrittrice pugliese, ha un contratto di cinque anni con la sua casa editrice e alla vigilia dell’ultimo romanzo da consegnare, viene presa dal classico blocco dello scrittore.

La storia è ambientata tra Bari, dove Lorena vive, ed una contrada di Monopoli, nelle campagne dell’entroterra sud barese. I luoghi mi sono familiari e così le descrizioni mi hanno fatto rivivere certe atmosfere. Io e l’autrice non condividiamo solo il nome, ma anche la “pugliesità”, passatemi il neologismo.

Molte delle vicende si snodano sotto un maestoso albero di gelso, un’immagine molto romantica.

Per quanto alcune vicende possano sembrare bizzarre, l’autrice descrive usi e costumi di alcune zone: leggendo questo libro ho sorriso e…mi è venuta anche fame.

“Maria in un certo senso mi aveva adottata, non faceva che rimproverarmi per la mia eccessiva magrezza o perché ero troppo pallida e non passava giorno senza che, con fare discreto, mi passasse qualcosa dalla sua cucina”  – (pag. 9)

Per tentare di distrarsi e ritrovare la concentrazione, Lorena si trasferisce in campagna dai nonni  Agata e Giulio. Come lei, anche io ho passato le estati interamente o quasi in campagna con i nonni.

E’ quindi in campagna  che la vita di Lorena subisce in tutti i sensi degli scossoni.

Leggendo vecchi libri, infatti, ritrova per caso dei fogli scritti dalla defunta prozia Clelia, alcuni di 10 anni prima ed altri risalenti al secondo dopoguerra.

Ma non finisce qui: ritrova anche Matteo, un amico di giochi d’infanzia che è sempre stato innamorato di lei. Riuscirà ad entrare nel suo cuore e ad abbattere il muro della sua diffidenza?

Nella vita di Lorena c’è posto anche per altri interessanti personaggi: Nando, il migliore amico gay che da anni la sostiene e consiglia. Giovanna, la mamma bohemienne, con la quale le cose non sono mai state semplici e ora c’è anche lo scompiglio portato dalla zia Clelia.

La narrazione si alterna, quindi, tra il passato degli scritti della zia Clelia ed il presente di Lorena negli stessi luoghi. Alla base di tutto c’è un mistero familiare, segreti che hanno condizionato il passato ed influenzato il presente. Riusciranno ad influenzare anche il futuro?

Se una parte della narrazione era prevedibile, la verità arriva solo alla fine ed è davvero una sorpresa! L’intera storia mi è piaciuta molto, mi ha ricordato quando pensavo anche io di romanzare la vita di una parte della mia famiglia per fare onore a mia nonna ma, come diceva Clelia:

“Ci sono cose così intime e profonde che appartengono solo a chi le vive e che non si vogliono far conoscere ad altri” – (pag. 104)

Infine, sempre tra gli scritti di Clelia, ho trovato una massima che mi ha molto ispirata:  “Mi dissi che non mi mancava niente, avevo me stessa e mi bastava, e questo mi faceva star bene. Sorrisi e sentii il cuore battere più forte.”  (pag. 26)

0

Acquista subito

laureanda in ingegneria gestionale con la passione per la lettura, il cinema, i viaggi e la cucina

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?