La seconda vita dei libri con Pick my book

imageArianna ha 19 anni ed è una ragazza di Torino, e come tutti i ragazzi della sua età si è trovata ogni anno a dover cambiare i libri di testo per la scuola ricorrendo spesso, come molti, all’usato per far risparmiare qualcosa ai genitori. Come tutti gli studenti sanno, la trafila per acquistare e vendere libri usati è molto lunga, ore e ore di fila e un guadagno minimo per chi vende, solitamente il 25% del prezzo originale. Lo scopo di Arianna era essenzialmente accorciare i tempi e permettere ai vari studenti di incontrarsi durante lo scambio dei libri così da dare vita, magari, anche a delle nuove amicizie. La 19enne torinese ha deciso di trasformare la vendita dei testi scolastici usati e non solo, telematica creando un’App. Ed ecco che tra la preparazione alla maturità, le pratiche per iscriversi a Giurisprudenza e con l’aiuto di amici informatici e finanziatori nasce Pick my Book. Nel giro di qualche settimana il sito contava giá più di 10mila volumi e circa 5mila iscritti. Semplicissimo da utilizzare, per coloro che sono interessati a vendere i propri libri e volumi basta registrarsi indicando lo stato del libro (buono, usato, molto usato), caricando delle foto per dimostrare le condizioni del testo e il prezzo. L’acquirente dovrà solo contattare il proprietario del volume tramite un chat e accordarsi. Per ora Pick my Book, ha spiegato Arianna, non possiede metodi di pagamento con carta e spedizione a domicilio, poiché desidera che questa esperienza di compra vendita abbia anche una valenza sociale. Aggiunge però che l’idea della spedizione non è stata messa del tutto da parte poiché l’applicazione ha riscontrato un buon successo in tutt’Italia.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?