La montagna dei polpettini – Marco Giusti

Titolo: La montagna dei polpettini
Autore: Giusti Marco
Casa Editrice: Salani editore
Genere: narrativa per ragazzi
Pagine: 169
Prezzo: 12.90 €

Un’assolata estate del 1962: Seggiano, nel grossetano. La terza elementare è terminata e di fronte a Marco un’intera settimana da riempire con tutte le avventure di cui un bambino di 8 anni è capace. Sullo sfondo un’Italia in fermento, l’Italia del dopoguerra in piena crescita, anche se è in realtà solo uno sfondo lontano, soffuso. A Seggiano il tempo si è fermato e tutto procede con la solita lentezza.

Pochi ma saldi elementi cardini nel romanzo: la nonna Carlotta, maestra in pensione ma ancora sempre pronta a fare dettato; la sua casa di campagna, luogo magico e spaventoso allo stesso tempo, dove la paura è dietro l’angolo nello scendere le scale o nel salire in soffitta di notte; il saggio topino Ughetto, l’amabile civetta Delia ed i due asini parlanti, Fred e Zaba, esperti nelle imitazioni delle star del cinema e grandi disquisitori delle tendenze dell’epoca. Ad incorniciare il tutto i personaggi del paese, il Carosello, il “Cinema Bianchini”, i fumetti di Pecos Bill, i racconti che si favoleggiano a Seggiano, come quello sulla Casa delle Fate, luogo incantato che ogni notte viene distrutto (per poi magicamente riapparire splendente il mattino successivo) dai terribili Polpettini, esseri cattivissimi che tuttavia nessuno ha mai visto. Banditi pronti anche a rapire il povero topino Ughetto pur di avere come riscatto i preziosi tappi che il piccolo Marco colleziona “Quattro tappi del Crodino, cinque del Campari soda, sette della Birra Peroni, quattro della Sanpellegrino, col sacchetto di tappi che mi ha dato Memmo…”.

Un racconto per ragazzi, adatto tuttavia anche a quegli adulti che vogliono riprovare un po’ di quell’innocente capa­cità di diver­tirsi e di quel puro stu­pore che forse negli anni hanno dimenticato. Una storia scritta con gli occhi, le parole ed i modi di un bambino di 8 anni. Uno stile piacevole e fluido dall’inizio alla fine, che ci porta momentaneamente a dimenticare il linguaggio freddo ed automatico delle quotidiane email di lavoro ed a tuffarci nel linguaggio del cuore, inchiostro su carta.

Un sicuro invito alla lettura per chiudere gli occhi, sgranarli di nuovo di meraviglia ed immergersi in un mondo magico e fatato “Ma dove sono capitato? Come fanno questi animali a parlare con termini così ricercati? Nessun paesano amico della nonna parlerebbe mai così. E, soprattutto, nessun animale, a parte quelli dei cartoni animati o di Topo Gigio, parla!”.

 

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?