La gentilezza – Polly Samson

Titolo: La gentilezza
Autore: Samson Polly
Casa Editrice: Parallelo45 edizioni
Genere: Romanzo
Traduttore: Daniela Di Falco
Pagine: 286
Prezzo: 15,00 euro

La gentilezza è il secondo romanzo della scrittrice inglese Polly Samson conosciuta ai più per essere coautrice di alcuni album dei Pink Floyd oltre che moglie del loro chitarrista David Gilmour. Il libro è stato prodotto a cura della UnoRosso, marchio editoriale della Parallelo45 edizioni.

Questo romanzo è una storia d’amore (che sicuramente piacerà anche a chi non ama le storie d’amore), di dolore, di tradimento e inganno (e allora viene da chiedersi perché tale titolo?), suddivisa in quattro sezioni interconnesse che coprono un arco di 23 anni dagli anni ’90 fino ai giorni nostri, raccontata dai punti di vista alternati di Julian e Julia, i protagonisti. La vicenda viene ricostruita con continui flash back non necessariamente in ordine cronologico; a volte un dettaglio o una parola riportano il punto di vista del narrante ad un momento particolare del vissuto. L’autrice dispensa con parsimonia questi richiami al passato, lungo l’intera storia, suscitando nel lettore una crescente curiosità. E se il continuo slittamento temporale sembra confondere, in realtà ogni volta viene inserito un nuovo tassello al mosaico narrativo, di modo che si arrivi ad una comprensione totale soltanto alla fine.

Nostalgia, segreti e imprevisti sono gli elementi che conducono  ad una lettura tutta d’un fiato. Il racconto si svolge tra Londra e gli Stati Uniti, dove le vite di Julian e Julia, della figlia Mira, dei loro genitori ed amici e di tanti altri personaggi si sono incrociati. Preludio alla storia d’amore tra i due è un falco che si libra in aria: lei lo fa volare al tramonto mentre aspetta il suo giovane amante, il ventunenne studente di lettere. Julia è già sposata e ha otto anni più di lui, ma un amore a prima vista li ha travolti. La brutalità del marito che ha scoperto il loro tradimento costringerà la donna a fuggire con il ragazzo. I due per vivere appieno il loro legame vanno contro tutto e contro tutti: Julia abbandona il luogo in cui è nata, Julian rinuncia alla sua carriera accademica. Da quel momento la coppia starà insieme affrontando qualsiasi ostacolo. La nuova vita a Londra è all’insegna della felicità, soprattutto dopo la nascita della piccola Mira, la figlia tanto desiderata e arrivata dopo ben cinque anni. Un giorno Julian viene a sapere che la casa dove ha trascorso l’infanzia, Firdwas, è in vendita e proprio lì vorrebbe ricreare per la sua nuova famiglia un piccolo paradiso. Ad ogni costo quella proprietà deve essere sua. Purtroppo le cose precipitano, complice anche una grave malattia che colpisce la bimba. Otto anni dopo l’inizio di quell’amore Julian è un uomo depresso, quasi alcolizzato, ora vive solo nella casa che un tempo condivideva con Julia e la loro bambina e ha perso ogni entusiasmo. Madre e figlia sono scomparse. Intanto la mamma del ragazzo e l’ex fidanzata Katie cercano di aiutarlo a risollevarsi andando contro la sua stessa volontà.

La gentilezza si presenta come un interessante romanzo, struggente, indimenticabile storia magistralmente raccontata. Bisogna attendere fino all’ultima pagina il dettaglio che manca per avere chiara l’intera vicenda, in una lettura che alterna momenti quasi lirici e pastorali ad altri molto più concreti e strazianti. Anche le situazioni divertenti che si succedono ai momenti drammatici in realtà sono banali solo all’apparenza perché delineano un quadro variegato della natura umana e a volte imprevedibili percorsi di vita. L’opera non racconta nulla di straordinario, pare tratteggiare la vita di molte coppie e famiglie: una relazione che nasce dalle ceneri di un matrimonio precedente, la ricerca di un figlio, il bisogno di stabilità, l’acquisto della casa dei sogni, i momenti di crisi, le difficoltà economiche, le malattie magari anche gravi con lo spettro della morte dietro l’angolo. A rendere questa normalità straordinaria è la scrittura dell’autrice che con pennellate lievi riesce a dipingere anche la più tragica delle situazioni, come può essere la malattia di una bambina.

Romanzo frutto di una trama intrigante, ne La gentilezza  troviamo tutti gli elementi che lo rendono particolare: l’ambientazione, lo stile narrativo e i continui riferimenti al libro Paradiso Perduto di John Milton, fonte di ispirazione per l’autrice ma anche testo degli studi del protagonista Julian. Luci e tenebre che si rincorrono in tutta la narrazione sottolineano l’aderenza alla vita reale e l’ambiguità in cui vivono molte persone. E ciò porta anche ad esercitare “la gentilezza” per motivi personali. Nel romanzo dietro questo sentimento si nascondono un tradimento e un inganno che viene offerto come un dono e porterà Julian a non fidarsi più degli altri. La lettura tuttavia ce lo svela solo nelle ultimissime pagine e mai prima si sarebbero immaginati simili risvolti. Bravissima l’autrice che ha tessuto una tela muovendo i fili uno alla volta per regalarci la visione completa della sua opera solo quando si leggerà la parola fine.

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?