La deviazione – Gerbrand Bakker

Titolo: La deviazione
Autore: Bakker Gerbrand
Casa Editrice: Einaudi
Genere: Romanzo
Traduttore: Laura Pignatti
Pagine: 250
Prezzo: 18,00

La deviazione è l’ultimo romanzo best seller internazionale dello scrittore olandese Gerbrand Bakker, già vincitore nel 2013 del Premio Independent Foreign Fiction, edito quest’anno da Einaudi e tradotto da Laura Pignatti.

L’autore, con il suo stile unico e ricco di sensibilità, dipinge l’animo afflitto e tormentato di Agnes,  alla ricerca di una nuova se stessa. Professoressa olandese ultra quarantenne, la donna lascia il marito, l’insegnamento universitario (di cui fa parte anche un piccolo scandalo per una relazione avuta con uno studente) e si reca in un minuscolo villaggio situato sulla costa del nord ovest del Galles. In una natura selvaggia, allo stesso tempo meravigliosa e inquietante, dove il silenzio della brughiera e il paesaggio assumono infiniti significati, Agnes scopre il piacere del vivere sola, rifuggendo il contatto con altre persone. E in questo luogo per lei magico prende corpo la sua ‘deviazione’.

La casa in cui la donna va a vivere è una vecchia dimora un po’ fatiscente, presa in affitto: un edificio a due piani, sperduto, in un paese sconosciuto, lontano dalla sua famiglia. Già abitata da un’anziana, sa un po’ di vecchio, con una stufa a legna per il riscaldamento e una vasca con le zampe di leone nel bagno. Della proprietà fanno parte alcune grasse oche e delle pecore dal muso bianco e nero di razza frisona . Il terreno circostante è un insieme di pascolo, palude e boschetti. Senza cellulare né orologio a scandire il passare del tempo, Agnes è attenta  solo al presente. Anche il rito dei pasti non viene rispettato, si nutre quando ne ha voglia. Il ritmo dei suoi giorni è scandito dai vari lavoretti di giardinaggio come la potatura dell’edera piuttosto che dell’ontano, dal tentativo di riparare il recinto per le oche che scompaiono progressivamente nelle fauci di chissà quale predatore e dal lento cambiamento dell’ambiente circostante.

Proprio nell’inverno in cui deve separarsi dal mondo, un giorno arrivano un ragazzo ed un cane: la casa ora ha due nuovi inquilini. E mentre lei gradualmente si costruisce  una nuova vita, cercando di nascondere e cancellare ogni sua traccia, iniziano le ricerche da parte dei suoi familiari. Da un lato quelle del marito, incerte, che più che riportargli la moglie lo metteranno a contatto con se stesso e con una vita diversa da quella che avrebbe voluto per sé e per lei, dall’altro quelle della sua famiglia con una preoccupazione dapprima moderata e poi sempre più crescente.

Nel suo allontanamento dal mondo precedente Agnes ha portato con sé la raccolta di poesie “Collected Poems” di Emily Dickinson e un ritratto della poetessa. Spesso durante il giorno la donna si trova, quasi inconsapevole, a recitare dei versi. Studiosa dell’amata e odiata poetessa americana, si chiede se con la sua suggestiva lirica avesse voluto fermare il tempo “Era questo che Emily Dickinson aveva fatto per quasi tutta la sua vita adulta? Aveva cercato di fermare il tempo e di renderlo sopportabile e forse anche meno solitario, intrappolandolo in centinaia di poesie?”.

A tutti quanti capita di deviare nella vita, è fisiologico, a volte addirittura necessario. Una via lineare e comune non esiste, esistono invece tanti modi di affrontare la strada che dobbiamo percorrere, in qualsiasi campo. Bakker ha scritto la storia di una deviazione in cui ogni lettore può immergersi per trovare emozioni e sensazioni provate in uno dei tanti cambiamenti di direzione che la vita impone. La deviazione è un libro insolito, veloce, con un finale – non narrato – che non ci si aspetta e lascia l’amaro in bocca, e che racconta  le deviazioni che potrebbero essere di ognuno di noi.

Bellissima la copertina con nuvole scure sullo sfondo e un branco di oche bianche. Da sola è un invito ad una lettura particolarissima.

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?