Io sto con Marta! – Giorgio Ponte

Titolo: Io sto con Marta!
Autore: Giorgio Ponte
Data di pubbl.: 2014
Casa Editrice: Mondadori
Genere: Romanzo
Pagine: 420
Prezzo: 16,00

Marta, trentenne palermitana, si trasferisce a Milano per uno stage presso una piccola casa editrice. Le speranze di una carriera nel mondo dell’editoria sono subito vanificate: l’impiego si rivela un’occasione di sfruttamento che non prevede nemmeno il rimborso spese. Decisa a rimanere a Milano senza l’aiuto economico della famiglia, Marta si rimbocca le maniche e cerca altre occupazioni, gettandosi con energia e una buona dose di simpatica goffaggine nel mondo del precariato, collezionando lavori improbabili che le permettono di mantenersi. Impulsiva e testarda, Marta non riesce a stare lontana dai guai: tra un disastro e l’altro, questa siciliana spumeggiante diventerà involontariamente la paladina di tutti i precari milanesi. Sotto l’egida di Sant’Ambrogio, patrono cittadino al quale non manca di rivolgersi, Marta riscoprirà il valore dell’amicizia e la forza della determinazione, riuscendo, tra equivoci e incomprensioni, a trovare anche il tempo di innamorarsi.

Esilarante, allegro, intelligente, ironico, Io sto con Marta! si rivela un romanzo coinvolgente capace di far ridere di cuore il lettore e, nel contempo, di commuoverlo. Una trama ricca e originale, condita di situazioni esilaranti in cui la nostra Marta, protagonista di grande impatto, ci regala una visione ironica del vivere contemporaneo, divertente e buffa anche quando le situazioni appaiono impossibili, ottimistica anche nei momenti più neri. Di contorno ma non meno di spessore, un insieme variopinto di personaggi interessanti, dialoghi brillanti e situazioni spassose che creano una trama intelligente, vivace, scorrevole. A far da sfondo alla vicenda, l’atmosfera meneghina con i suoi ritmi frenetici, i locali notturni, l’ossessione lavorativa, l’aperitivo che diventa cena, ma anche il fascino elegante dei Navigli, il misticismo delle Colonne di San Lorenzo, i palazzi raffinati: Milano grazie allo sguardo di Marta ci appare al meglio, città incantata e indimenticabile. Da questa vicenda emerge il senso di appartenenza ad una città, lo spirito di collaborazione capace di livellare le differenze, unire le persone: “Osservando quella distesa di strade e palazzi farsi sempre più piccola e lontana sotto di noi, un profondo senso di gratitudine mi pervade. Nulla di quello che sono riuscita a fare, avrei mai potuto farlo da sola. Milano era con me. Tutta la gente che ho incontrato, uomini e donne coraggiosi, arrivati qui come me, senza niente, nella speranza di costruire qualcosa, inarrestabili e duri a morire: loro sono stati la mia forza. Senza di loro, senza il sostegno di ciascuna di queste persone, probabilmente adesso starei ancora girando sugli autobus, persa, alla ricerca della sede della Pandora.” (p. 408)

Grande capacità narrativa dell’autore a cui va il merito di una trama convincente, divertente, spassosa, capace di far riflettere e di coinvolgere fin dalla prime pagine e che alla fine porterà il lettore, con convinzione, ad affermare…”Io sto con Marta!”

 

3

Acquista subito

Chiara Barra

Se dovessi partire per un’isola deserta, e potessi portare con me soltanto un libro...sarebbe un’ardua impresa! Come immaginare la vita senza il mistero di Agatha Christie, la complessità di Milan Kundera, la passione di Irène Nemirovsky, l’amarezza di Gianrico Carofiglio, il calore di Gabriel Garcia Marquez, la leggerezza di Sophie Kinsella (eh sì, leggo proprio di tutto, io!). Ho iniziato con “Mi racconti una storia?” e così ho conosciuto le fiabe, sono cresciuta con i romanzi per ragazzi che mi tenevano compagnia, mi sono perdutamente innamorata dei classici...che ho tradito per i contemporanei (ma il primo amore non si scorda mai)!

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?