Incontro con Chiara Moscardelli

chiara moscardelliUna storia leggera e divertente, un po’ rosa e un po’ noir, scritta con la consueta ironia e immediatezza: “Quando meno te lo aspetti” è il nuovo romanzo di Chiara Moscardelli edito da Giunti.

La protagonista a differenza del romanzo precedente non è l’autrice stessa ma un suo alter-ego, Penelope Stregatti. La Moscardelli va fiera del suo personaggio “perché almeno lei ce la fa”. A fare cosa? Spetta ai lettori scoprirlo, intanto però, dato che abbiamo fatto quattro chiacchiere con l’autrice in un contesto simpatico e insolito come un locale bio e vegano in pieno centro a Milano, qualcosa sul romanzo possiamo dirvi. Innanzitutto la nostra Penelope, pugliese di nascita, aveva una nonna cartomante che amava dirle che nella vita siamo in realtà delle mezze mele alla ricerca dell’altra metà. Questa ricerca ha condizionato la vita della protagonista, ma non solo la sua ci tiene a sottolineare l’autrice: “è un po’ un tarlo insinuato nella vita di tutte le donne, che sono destinate a cercare il proprio principe azzurro”. Spesso guarda caso è affascinante come un eroe delle fiction e dovrebbe arrivare… quando meno te l’aspetti!

Come si nota l’ironia caratterizza il suo romanzo e in generale la scrittura della Moscardelli, che ne sottolinea l’utilità soprattutto nel lavoro. “Attenzione però a non usarla nei rapporti affettivi: si trasforma in un boomerang e non è proprio quello che vogliamo…!”quando meno te lo aspetti

Per chi come lei ha un lavoro impegnativo (nel suo caso nell’ambito editoriale) è faticoso trovare il tempo per cimentarsi nella lettura e scrittura personale. Per questo libro è stato fondamentale un soggiorno di due settimane da un amico a Singapore, in cui durante il giorno non aveva altra scelta che stare in casa. Le pagine così si sono succedute con grande rapidità- I suoi modelli di scrittura? Sono soprattutto gli autori di commedie e l’amatissimo Woody Allen.
Milano è il luogo dove si svolge la vicenda e anche la città in cui la romana Moscardelli si è trasferita e con il capoluogo lombardo ha una rapporto conflittuale, che nel romanzo emerge pienamente. Come dire, non è proprio il luogo ideale per cercare la famosa altra metà della mela. Nella lettura scoprirete anche perché l’incontro in un locale bio non sia stato affatto casuale. L’autrice sa essere infatti graffiante non fotografare nuove mode e nevrosi metropolitane.

0

Acquista subito

Milanese di nascita, vive da sempre nel Varesotto. Insegnante di lettura e scrittura non smette mai di studiare i classici, ma ama farsi sorprendere da libri e autori sempre nuovi. Sommelier, abbina quando può un buon romanzo al bicchiere appropriato.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?