Il viaggio dolce – Marina Plasmati

Titolo: Il viaggio dolce
Autore: Plasmati Marina
Casa Editrice: la Lepre Editore
Genere: Romanzo
Pagine: 166
Prezzo: 16 euro

Sulla straordinaria scia di riconoscimenti e successi per il film “Il giovane favoloso” di Mario Martone, dedicato a Giacomo Leopardi e uscito nelle sale nell’ottobre dello scorso anno, ora in corsa per il David di Donatello con ben 14 nomination, consiglio la lettura de Il viaggio dolce di Marina Plasmati, La Lepre edizioni. Romanzo molto interessante che racconta con uno stile personale e coinvolgente gli ultimi giorni di vita dell’immortale poeta di Recanati, la sua visione del cosmo e della natura umana.

Una sera di aprile del 1836 Giacomo Leopardi, trentottenne, giunge a Villa Ferrigni, alle pendici del Vesuvio, presso Torre del Greco. Lo accompagna Antonio Ranieri, un amico, con la speranza che un soggiorno in campagna possa giovare alla sua cagionevole salute. Gli abitanti della villa e dei dintorni, che sono persone semplici, non conoscono la vera identità del poeta e lo chiamano “l’ospite di riguardo”. Per lui era stata preparata una stanza con una scrivania su una grande finestra, come quella nella casa di suo padre “Una grande finestra, sulla parete sinistra, si affacciava sui campi, proprio davanti alla villa. Di lì entrava luce tutta la mattina, mentre nel pomeriggio due cipressi, più alti della villa, gettavano la loro ombra refrigerante su quel lato dell’edificio” (pag.19). In quella villa soggiornò fino al mese di luglio.

Lo scenario del romanzo è il paesaggio vesuviano, brullo ma nel contempo colorato, in particolare dal giallo della ginestra, ispiratore dei famosissimi versi. Tutta la narrazione è ovattata dalla tranquillità della Villa e dall’atmosfera familiare e semplice dei personaggi, compagni di questi mesi. E’ con loro che “l’ospite di riguardo” trascorre i veri momenti piacevoli e di interesse, mettendo quasi in ombra l’amico che lo ha assistito negli ultimi anni. Il protagonista, benché malato e sofferente, ci appare di una straordinaria delicatezza e di una profonda umanità. Sensibile, attento, gentile, Leopardi assume agli occhi del lettore, pur nel breve tempo del racconto, un’immagine ben diversa da quella che le biografie ci hanno consegnato.

Marina Plasmati ci aiuta, con una scrittura chiara e raffinata, a comprendere sia il carattere del poeta sia i suoi pensieri sulla natura umana e sull’universo. Il viaggio dolce è destinato ad appassionare chiunque si interessi all’opera di Leopardi e alla sua personalità che l’autrice connota quale uomo pacato che ama ascoltare i racconti e le leggende della gente del posto, ma che anche intrattiene conversazioni con gli altri ospiti della villa. Momenti tuttavia privi di felicità esteriore “Sono un uomo moderno qualunque, più colto di un contadino qualunque, più giusto di un delinquente qualunque, ma purtroppo non più felice di una qualunque creatura” (pag.81).

Proprio a Villa Ferrigni Giacomo Leopardi, negli ultimi giorni di pace prima del “viaggio dolce” che concluderà la sua vita terrena, darà corpo ai versi de La Ginestra. Il romanzo la riporta anche in appendice oltre al Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl’Italiani, tuttora attualissimo.

0

Acquista subito

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?