Il grande ritorno: Torino conquista gli editori

Maurizio Montagnese, presidente di Turismo Torino

Dopo 25 anni il congresso mondiale degli editori torna in Italia. L’ultima edizione nel nostro Paese risale infatti al 1988, quando fu organizzato a Roma, e da allora si è sempre tenuto in altre sedi; quest’anno, il capoluogo piemontese è riuscito ad aggiudicarsi l’evento, atteso per il giugno del 2014, bruciando la concorrenza di altre grandi città come Parigi, Amsterdam e Oslo. Il congresso della «World Association of Newspapers and News Publishers», l’associazione mondiale degli editori, porterà al Lingotto oltre 1.200 direttori di testate giornalistiche e l’evento si articolerà tra il sessantaseiesimo congresso mondiale dei giornali e il ventesimo forum internazionale dei capiredattori.

“È la conferma di quanto Torino sia riconosciuta sempre di più come sede attrattiva e accogliente per l’attività congressuale nazionale e internazionale, offrendo strutture, ricettività e organizzazione adeguate ad una vasta platea di operatori e visitatori, con riscontri molto positivi anche per i flussi turistici”, dice il sindaco Piero Fassino.

“Nel segmento degli eventi di media grandezza, fino ad un massimo di 23 mila persone, la città è ormai riconosciuta a livello internazionale come meta ideale.” conferma Montagnese, presidente di Turismo Torino “È accogliente, gode di buoni servizi, ha un’offerta culturale, ha un suo mercato.”

L’appuntamento annuale ospiterà inoltre la premiazione della penna d’oro per la libertà della stampa e sessioni dedicate alle innovazioni dell’industria dell’informazione. Un evento da non perdere.

0

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?