Fifty-Fifty. Sant’Aram nel regno di Marte – Ezio Sinigaglia

Titolo: Fifty-Fifty. Sant’Aram nel regno di Marte
Autore: Ezio Sinigaglia
Data di pubbl.: 2022
Casa Editrice: TerraRossa edizioni
Genere: Narrativa
Pagine: 246
Prezzo: 15,50 €

Si conclude con questo libro il dittico iniziato con Fifty-fifty. Warum e le avventure Conerotiche. Il narratore è sempre Aram/Warum, la scrittura anche è quell’inconfondibile mix di musicalità e simbolismo che ormai Ezio Sinigaglia ha imposto come suo marchio di fabbrica.

Se nel primo libro eravamo davanti all’amore sfuggente, che non si lasciava consumare, che si realizzava solo idealmente tra Aram e Fifì; qui siamo al cospetto della passione giovanile, in cui tutto si brucia e si annienta velocemente. Ma c’è anche un altro elemento da tenere in considerazione. Se nel primo libro l’amore idealizzato è forma fissa, immutabile, eterna e comprensibile solo all’anima, in questa seconda opera tutto è terreno, materiale e degradabile. Tant’è che nelle prime pagine del libro leggiamo una sorta di invocazione a Esculapio, il dio della salute ritrovata, colui al quale si sacrificava un gallo.

La salute ritrovata, ossia la morte. È questo un chiaro richiamo all’Apologia di Socrate? Lasciamo tutto in sospeso, perché non è l’unico input che Sinigaglia dona al lettore attento, che oltre a leggere un romanzo vuole anche comprendere cosa c’è al di là delle pagine. Anche questo secondo volume può essere letto senza domandarsi troppe cose. Siamo in presenza di una trama lineare, di artifizi linguistici, di un flusso di coscienza che gioca con l’intuitività e con una musicalità della parola. Aram è preda della sua memoria: i ricordi della vita militare, ossia il Regno di Marte. Lì la guerra non esiste. È lontana. Si è come ragazzini che giocano a fare gli uomini, che si sporcano con l’esistenza, che selvaggiamente attraversano la linea d’ombra e che come fanciulli in fiore cercano la propria dimensione e la propria forma tra le pulsioni ormonali. C’è qui quell’omoerotismo che non è tensione animalesca, ma linguaggio tra l’uomo e il dio, perché il Demiurgo ha pensato a noi sia carnalmente sia spiritualmente, e dopo la morte, a seconda della nostra condotta, ci reincarneremo in qualcosa che ha a che fare con la nostra precedente natura.

Sarà che Aram sia anche un provetto Timeo? Ma continuiamo, perché anche questa volta, Sinigaglia non dà solo un nome ai suoi personaggi, ma diversi, perché il molteplice è solo il nostro perverso tentativo di ordinare l’Uno. Quell’Uno che a noi appare sempre e solo caotico. Tante cose invece vivono in noi, ecco perché nessuna nostra azione è simile o coerente all’altra. Basta vedere le scelte che fa Sciofí, il milite-amante di Aram. Ed ecco che la storia d’amore, solo platonica, tra Aram e Fifì inizia e finisce sempre in quella villa in Versilia in cui si riannodano i fili della memoria e del destino, giacché un ricordo chiama l’altro e un evento ne genera un altro per pura necessità; tant’è che Aram termina anche la sua ricerca del tempo perduto e scopre che non è stato tempo sprecato, ma spensierato, libero da quel bisogno di attribuire a ogni istante un senso.

Così Sinigaglia ci consegna un’altra opera ironica, allegra, spensierata, ma ricca di quei richiami che la rendono enciclopedica.

2
Martino Ciano

Classe 1982, vive a Tortora, comune della provincia di Cosenza. Promesso ragioniere, lascia la partita doppia per la letteratura, la poesia, la musica e il giornalismo. Si laurea in Scienze Storiche all’Università La Sapienza di Roma. Attualmente è corrispondente per l’emettente televisiva Rete 3 Digiesse. Nel 2011, l’incontro con Gli amanti dei libri, per cui cura la rubrica Amabili letture. Collabora anche con le riviste letterarie Euterpe, Satisfiction e Zona di Disagio di Nicola Vacca. Ama scrivere racconti, alcuni dei quali sono stati pubblicati su siti e riviste on-line. Tra questi, La logica del difetto è nel catalogo dalla Bla - Bookmark Literary Agency di Paolo Melissi. La sua pagina personale facebook è Dispersioni 82. AMABILI LETTURE: I libri che mi piacciono, i classici che mi hanno formato, il profumo delle parole che mi hanno riempito l’anima. Sono un lettore anarchico, che si sposta da un genere all’altro con il solo obiettivo di saziare le mie curiosità. Voglio condividere con voi le mie impressioni sulle opere che mi hanno reso un divoratore di parole. In questo spazio verrà data voce agli esordienti, agli autori dimenticati, ai poeti, ai sognatori, agli irregolari. La letteratura è arte e scrivere d’arte è il mestiere più bello del mondo.

Ti potrebbero interessare...

Login

Lost your password?

Per continuare a navigare su questo sito, accetta l'informativa sui cookies maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi